Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Le strade del Gavia e passo San Marco assegnate all’Anas

sabato, 18 gennaio 2020

Ponte di Legno – Saranno trasferite all’Anas le strade del Gavia (Sp29) e Passo San Marco (Sp8). Oggi sono in gestione alle Province, a breve saranno assegnate – come deciso nell’ultimo Consiglio dei Ministri - all’Ente Strade che già gestisce la statale 42 del Tonale e la statale 38 dello Stelvio.

Secondo il provvedimento le due strade (Gavia e San Marco) rientrano in un piano di riassetto della viabilità. In Lombardia sono oltre mille i chilometri di strade che passeranno sotto la gestione di Anas. L’obiettivo principale, secondo il provvedimento adottato dal Consiglio dei ministri, è garantire la continuità territoriale dei percorsi: la frammentazione ha rappresentato un gravissimo limite nella gestione delle strade e dei trasporti.

strada Passo Gavia 1Il decreto governativo prevede che i cantieri già affidati rimangano in gestione alla stazione appaltante, dunque alle Province. In particolare la Provinciale 29 con la frana del Ruinon in territorio di Valfurva (Sondrio) è interessata da interventi per la frana che si è abbattuta lo scorso agosto. La Provincia di Sondrio proseguirà il suo piano, secondo quanto previsto nell’appalto, anche sotto la gestione di Anas.

Invece in provincia di Bergamo sono 260 i chilometri di strade provinciali che saranno prese in carico da Anas. E sono: l’ex statale 294 della Valle di Scalve (per 40,7 chilometri), l’ex statale 294 la Via Mala (per 7,4 chilometri), l’ex statale 671 della Valle Seriana (per 64 chilometri) e tra le provinciali anche la Sp 53 della Valle Borlezza (per 13,6 chilometri) e l’ex ss 469 Sebina occidentale (per 26,2 chilometri).

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136