Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Valle Camonica, sette patenti ritirate dai carabinieri sulla Statale 42 del Tonale

domenica, 15 dicembre 2019

Passo Tonale – I Carabinieri della Compagnia di Breno sono stati impegnati la scorsa notte in un servizio di controllo straordinario per la prevenzione di comportamenti pericolosi alla guida. Carabinieri - controlli - notteIl servizio, che ha interessato il Passo del Tonale e la bassa Valle Camonica si è concluso con la segnalazione di sette automobilisti alla Procura della Repubblica per violazione dell’art. 186 del Codice della Strada essendo stati sorpresi alla giuda delle proprie automobili con tassi alcolici al di sopra del limite consentito (da 0,70 a 1,40 g/l). A tutti è stata ritirata la patente.

ARRESTATO A MONTICHIARI

I carabinieri della Stazione di Montichiari hanno arrestato un uomo italiano per ripetute violazioni all’ordine del giudice di “allontanamento dall’abitazione familiare”. Solo poco più di un mese fa la moglie dell’uomo, anch’essa italiana, aveva trovato il coraggio di denunciare ai Carabinieri di Montichiari le violenze che da quasi tre anni subiva ad opera di quel compagno violento che aveva sempre perdonato anche perché da qualche mese divenuto padre del bimbo nato dallo loro unione.

Le violenze inizialmente verbali si erano tramutate spesso in aggressioni fisiche incontrollate e favorite dall’abuso di sostanze alcoliche. Tali atteggiamenti non erano stati per nulla mitigati dalla nascita del figlioletto, che ora ha dieci mesi, e anzi numerosi episodi di violenza erano stati commessi anche in sua presenza. Dopo la denuncia era scattata la misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Brescia che vietava a quel marito violento di fare rientro presso l’abitazione familiare.

Tuttavia l’uomo, poco abituato alle regole, ha disatteso il divieto facendo, in più occasioni rientro a casa, guadagnandosi il silenzio della moglie che non ha denunciato i fatti per paura di possibili conseguenze.

Gli accertamenti dei carabinieri hanno però portato alla luce la situazione e la segnalazione delle violazioni all’Autorità Giudiziaria ha portato all’emissione di una misura di custodia cautelare nei confronti dell’uomo che è stato portato in carcere a Brescia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136