Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Valle Camonica: la Comunità Montana punta su ambiente e sviluppo sostenibile

sabato, 14 novembre 2020

Breno – Il tema dell’ambiente e della qualità dell’aria è stato affrontato oggi in un webinar del progetto “The Mab esperience” con la presenza di esperti del settore dell’energia e dell’ambiente, medici e amministratori locali. L’evento ha riscosso un grande successo di iscritti, con oltre 200 partecipanti online. Inizialmente era previsto al cinema Garden di Darfo Boario Terme (Brescia), ma è stato riorganizzato sotto forma di webinar per le restrizioni della pandemia.

Convegno Darfo- relatoriDopo gli incontri estivi del Mab tour a Edolo, Ponte di Legno, Pisogne e Borno, sono stati affrontati i temi della sostenibilità e della salvaguardia dell’ambiente, e negli interventi istituzionali sono stati posti gli obiettivi: avviare un cambio di rotta a tutela dell’ambiente.

Il presidente della Comunità Montana di Valle Camonica, Sandro Bonomelli, ha in più occasioni sottolineato la necessità di puntare su una valle green e le opportunità nei prossimi anni non mancheranno.

Mirco PendoliNei saluti istituzionali del webinar l’assessore all’Ecologia della Comunità Montana, Mirco Pendoli (nella foto a lato), ha rilanciato i progetti per una valle smart, ricordando che una delle 19 Riserve della Biosfera in Italia è in Valle Camonica: “L’obiettivo è perseguire uno sviluppo sostenibile, con uno sfruttamento delle risorse, partendo da progetti che mirino a migliorare la qualità di vita e salute dei cittadini”. Inoltre è intervenuto Guido Calvi, responsabile del servizio Parco Adamello e tutela ambientale, che ha posto l’accento sui progetti in atto di valorizzazione dell’ambiente.

Durante il convegno – moderato da Anna Bonettini, del Parco dell’Adamello – è stato presentato il progetto “Life PrepAIR – Po Regions Engaged in Policies of Air”, anticipato da un quadro sullo stato della qualità dell’aria in Valle Camonica: Giorgio Silprandi di Arpa Lombardia ha spiegato come si formano gli inquinanti (nella foto sotto) nelle grandi aree e in Valle Camonica e gli interventi per abbatterli, tra cui il divieto di accensione di fuochi in aree all’aperto. Sono poi intervenuti Ezio Damiolini, medico pneumologo di Asst Vallecamonica, che ha evidenziato gli effetti dei principali inquinanti atmosferici sulla salute pubblica, mentre Valter Francescato, direttore tecnico dell’Associazione italiana energie agroforestali ha affrontato il tema del riscaldamento a legna. L’ingegnere Roberto Bellini e Cristian Molinari, sindaco di Rogno, hanno illustrato l’esperienza del Comune bergamasco in tema di emissioni in atmosfera, qualità dell’aria e salute dei cittadini e l’impatto ambientale del comparto produttivo, mentre Valter Sterlocchi, sindaco di Buglio in Monte, ha presentato l’esperienza di efficientamento energetico – pannelli fotovoltaici e centrale biomassa – che è stata anche al centro di uno studio da parte del CNR.Convegno Darfo 0

E’ stato infine annunciato che nel 2021 la Comunità Montana di Valle Camonica punterà su due progetti legati alla mobilità: il primo è l’ulteriore implementazione della pista ciclabile dal Passo Tonale al Po, il secondo è un piano strategico per la linea ferroviaria della valle con treni alimentati a idrogeno. Questo secondo intervento è seguito da Dario Furlanetto, già direttore del Parco dell’Adamello, e sarebbe il primo con grandi vantaggi per la Valle Camonica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136