Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Valle Camonica: conta dei danni dopo l’ondata di maltempo

mercoledì, 12 giugno 2019

Darfo Boario Terme – In Bassa Valle Camonica e nell’Alto Sebino si fa la conta dei danni dopo l’eccezionale ondata di maltempo di ieri pomeriggio, con pioggia, grandine e vento. Centinaia di allagamenti di box e poco più di venti famiglie sono state sfollate a Mazzunno di Angolo Terme (Brescia). Poi smottamenti e strade invase da terra e detriti, oltre ad alberi caduti sulle strade e black out elettrici, coltivazioni distrutte.

Vigili del Fuoco ondata maltempo Valle Camonica - GdvSul posto hanno lavorato fino a notte fonda i vigili del fuoco di Darfo Boario Terme,  con i rinforzi dei distaccamenti di Breno, Edolo, Vezza d’Oglio, quindi gli uomini della Protezione Civile. Ad Angolo Terme è stata istituita un’unità di crisi in municipio, con la presenza del sindaco Alessandro Morandini e il coordinamento della prefettura di Brescia. Oggi – oltre agli interventi di emergenza – ci saranno sopralluoghi di tecnici e geologi per valutare la situazione e avviare la conta dei danni.

Ingenti i danni anche a Piamborno con infiltrazioni d’acqua all’asilo quindi a Pian Camuno, Rogno e Pisogne, poi la Val di Scalve con interruzione della via Mala e a Lovere. I Comuni e la Comunità Montana di Valle Camonica si apprestano a chiedere lo stato di calamità: i danni si sono registrati anche ad aziende a soprattutto all’agricoltura.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136