Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Piccoli Comuni, 410 domande per bando regionale lombardo delle opere di difesa del suolo

venerdì, 27 settembre 2019

Brescia – Piccoli Comuni, 410 domande per bando regionale delle opere di difesa del suolo. Il bando regionale che stanzia 10 milioni di euro per finanziare interventi a supporto degli Enti locali per azioni di prevenzione e di messa in sicurezza del reticolo idrico minore e per il ripristino di dissesti pericolosi ha fatto registrare un boom di domande.

sertoriRICHIESTE DI CONTRIBUTO PER OLTRE 32 MLN - “Abbiamo centrato l’obiettivo e colmato un’esigenza importante del territorio – ha commentato l’assessore a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori -. Martedi’ scorso sono scaduti i termini per la presentazione delle istanze e sono ben 410 i Comuni che hanno concorso, con richieste di contributo che superano i 32 milioni di euro”.

LA MISURA - Con l’avviso attivato lo scorso 2 settembre, Regione Lombardia e’ intervenuta a supporto degli Enti locali, cofinanziando con 10 milioni di euro di risorse i Comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti che realizzano interventi e opere di difesa del suolo e regimazione idraulica per ripristinare situazioni di dissesto o danni causati o indotti da fenomeni naturali.

INTERCETTATA ESIGENZA REALE - “Questo straordinario risultato - ha continuato Sertori – conferma che lo strumento e la tipologia di opere individuati intercettano bisogni reali del territorio e sono idonei a sostenere fattivamente i Sindaci nel loro sforzo per migliorare le condizioni di sicurezza delle nostre comunità locali”.

RIPARTIZIONE DELLE RISORSE PER PROVINCE - Sono complessivamente 410 i Comuni che hanno presentato domanda di contributo per un totale di 32,6 milioni di euro.

Nel dettaglio:
- in provincia di Bergamo 75 le domande presentate, per un totale di contributo richiesto pari a 5,9 milioni di euro;
- in provincia di Brescia 89 le domande avanzate, per un totale di 7, 2 milioni di euro;
- in provincia di Lecco 36 le domande, per un totale di 2,8 milioni di euro;
- in provincia di Monza e Brianza 3 domande, per 235.130 euro;
- 1 domanda nella Citta’ Metropolitana di Milano per 90.608 euro;
- in provincia di Lodi 7 domande, per 554.664 euro di contributo;
- in provincia di Como 40 richieste, per un totale di 2,9 milioni di euro;
- in provincia di Varese 46 domande, per 3,7 milioni di euro;
- in provincia di Sondrio sono pervenute 50 domande, per 4,2 milioni di euro;
- in provincia di Pavia 43 istanze, per 3,4 milioni di euro;
- in provincia di Mantova 9 domande, per 643.484 euro;
- in provincia di Cremona 11 domande, per un totale di
contributo richiesto di 806.356 euro.

AL VIA ORA LA FASE ISTRUTTORIA - “Ringrazio gli Uffici  Territoriali regionali – ha concluso Sertori – per il lavoro puntuale e prezioso fin qui svolto. Al via ora la fase istruttoria, che sara’ completata entro 15 giorni e sarà seguita da apposito provvedimento per l’approvazione delle graduatorie e l’assegnazione del contributo”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136