Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Valle Camonica, il piano neve sulle strade provinciali bresciane

mercoledì, 2 dicembre 2020

Brescia – Definito il piano neve della Provincia di Brescia, con due macro zone (montane e pianura), 17 sorveglianti, 35 cantonieri che operano su 1714 chilometri lineari, comprese rampe, svincoli e intersezioni, per una superficie di circa 12.800 metri cubi. La struttura della Provincia di Brescia è coordinata da un ingegnere coadiuvato da un assistente geometra, e 22 zone, corrispondenti a otto lotti appalti di manutenzione per lo svolgimento del servizio di sgombero neve e spargimento sostanze antigelive.

Spazzaneve1LE ZONE – In ogni zona vigila un sorvegliante (capo cantoniere) coadiuvato eventualmente da uno o più cantonieri. Gli appalti di manutenzione comprendono anche tutte le prestazioni inerenti la gestione delle strade durante il periodo invernale, al fine di renderle sempre transitabili in sicurezza da parte degli utenti della strada.

Il sorvegliante, a norma dell’articolo 12 del decreto legislativo n. 285/1992 “Nuovo Codice della Strada”, espleta il servizio di Polizia stradale, relativo alla prevenzione ed accertamento delle violazioni in materia di tutela e controllo sull’uso delle strade provinciali ed è munito di telefono cellulare per il collegamento con i propri cantonieri, gli uffici centrali, i mezzi delle forze dell’ordine e di soccorso e le ditte aggiudicatarie del servizio di manutenzione ordinaria sgombero neve e spargimento di prodotti antigelivi; dal 1 novembre di ogni anno fino al 31 maggio dell’anno successivo è attuato il piano neve che impegna il personale provinciale tutto e le ditte aggiudicatarie del servizio con i relativi mezzi d’opera.

L’ATTIVITA’ – Nell’arco dell’anno, per 365 giorni 24 ore su 24, è attivo un servizio di “reperibilità”, che coinvolge parte del personale stradale pronto ad intervenire in caso di emergenza, (frane, incidenti, neve e ghiaccio, situazioni di pericolo) su tutte le strade provinciali.

Durante la stagione autunnale ed invernale il lavoro del Sorvegliante e del Cantoniere diventa più impegnativo ed attento, l’attività non conosce soste, il personale addetto al Settore delle Strade, in caso di necessità, è disponibile ad uscire per fronteggiare le emergenze anche nei giorni festivi, Natale e Capodanno compresi.

Quando la temperatura si avvicina allo zero termico, considerate le condizioni ambientali, nel pomeriggio, alla fine del turno di lavoro o comunque quando lo ritiene necessario, il Sorvegliante ordina alla propria squadra od alla ditta appaltatrice del servizio, di uscire con i mezzi in dotazione per provvedere allo spargimento di prodotti antigelivi nei tratti stradali più ombreggiati della carreggiata, per un’azione preventiva con interventi mirati a prevenire la formazione di ghiaccio, con particolare attenzione a viadotti e ponti.

GLI INTERVENTI – Durante la notte se la temperatura si abbassa ulteriormente il personale esce e ripete l’operazione più volte per rendere sicuro il transito dei veicoli che percorrono le strade provinciali. Ogni operazione in ogni singola zona comporta il consumo di circa 18/20 quintali di salgemma.

L’azione viene intensificata con le unità operative in dotazione alle ditte appaltatrici, che permette di completare l’opera preventiva contro la formazione di ghiaccio lungo tutte le arterie provinciali. In caso di nevicate il Sorvegliante allerta la Ditta appaltatrice della manutenzione che con le lame sgombraneve provvede alla pulizia della carreggiata e con gli spargisale sparge salgemma antigelivo. La quantità di salgemma misto a sabbia utilizzata per la pulizia della carreggiata è di circa 1.500 quintali per ogni uscita su tutte le strade provinciali.

Anche per la stagione invernale 2020/2021 è stato acquistato salgemma per un importo pari ad 450mila euro per circa 5.200 tonnellate.

Il servizio di sgombero neve è accompagnato da ulteriori servizi che la Provincia ha rinnovato anche per la stagione corrente: si tratta del servizio di valutazione e conseguente definizione delle puntuali situazioni di pericolo di valanghe, svolto da esperto nivologo, ed il servizio di sopralluogo in elicottero, con eventuale intervento di sistema tecnico per il distacco artificiale degli ammassi nevosi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136