Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il parapendio ha animato il Panathlon Club di Vallecamonica nella seconda conviviale ‘live’

venerdì, 31 luglio 2020

Artogne – Seconda conviviale dal vivo (sesta dell’anno e seconda consecutiva nello stesso mese) per il Panathlon Club di Vallecamonica e serata molto interessante e vivace. Tema dell’incontro del sodalizio presieduto da Ottavio Bonino, il Parapendio. E’ stato lo stesso presidente a presentare gli ospiti e a spiegare il tema della conviviale, lasciando la parola a Libero Pelucchetti, esperto della disciplina nonché maestro di sci. parapendioPelucchetti ha dapprima narrato l’inizio della sua passione per il parapendio, nei primi anni ’90 ad Artogne, suo paese natale, e di come da passione sia poi diventata la sua professione estiva. Il relatore ha poi analizzato il passaggio dal paracadute al parapendio, e la sua evoluzione nelle attrezzature, nei materiali e negli strumenti, tanto che oggi ci si può permettere di avanzare 11 metri perdendo solo un metro di quota e questo permette lunghi voli nel cielo. “E’ uno sport affiliato FIVL – Federazione Italiana Volo Libero – ed è sotto l’egida dell’Aereo Club d’Italia: le specialità del parapendio sono essenzialmente tre: il cross country, l’acrobazia e la precisione”. E qui il relatore ha spiegato le diverse tipologie di gare, dicendo che in Italia ci sono circa 6000 appassionati di parapendio.

parapendio2“Tutti possono volare in parapendio – ha detto Pelucchetti – dagli 8 agli 80 anni, esistono corsi e scuole di parapendio che iniziano con piccoli esercizi a terra, piccoli stacchi, poi il volo alto e di solito il primo volo non si scorda mai. Si arriva poi al brevetto di volo e all’abilitazione al volo libero’. Pelucchetti ha poi detto che è fondamentale per il volo lo studio della meteorologia e la ricerca delle ‘termiche’ spiegandone il termine: ‘Le termiche sono correnti ascensionali provocate dal sole che riscalda il terreno e consente all’aria di spingerti verso l’alto e qui l’uomo, come al solito, ha dovuto imparare dalla natura ed esattamente dal volo degli uccelli rapaci che, per risparmiare energie devono stare in volo tanto tempo”.

La parola è poi passata ad un altro ospite e relatore, Francesco Bianchessi che ha espresso le sue emozioni dicendo che “con il parapendio si scopre un mondo nuovo, il contatto stretto con la natura, la scoperta di tanti paesaggi visti dall’alto, A me piacciono i voli di distanza con lunghe percorrenze dall’Italia alla Svizzera all’Austria e alla Slovenia, con tanti ricordi ed emozioni”.

Ha ripreso la parola Pelucchetti che ha parlato di attrezzatura, le vele, sempre più sofisticate, e dei vari strumenti che servono per il volo, e anche per stare in aria oltre 10 ore, evidenziando anche le tre tipologie di volo, l’andata, l’andata e il ritorno e il triangolo FAI, ente che regola e certifica le gare di parapendio. Il relatore, stimolato dalle domande dei soci, è poi tornato sul tema delle ‘termiche’ “che vanno cercate, le senti perché l’aria è più calda, e la termica c’è sempre ma è ciclica, e invisibile logicamente, l’obiettivo è stare nel cuore della termica per volare sempre di più”.

Altra domanda sull’avvicinamento del parapendio alle rocce, alle piante, agli ostacoli in genere e la risposta è che “il parapendio è molto sensibile e si capisce quando ci si sta avvicinando troppo e qui subentra l’abilità del pilota’. Il terzo relatore Paolo Scarsi si è soffermato sulle tipologie di parapendio ‘ogni azienda ormai produce 5/6 taglie omologate di parapendio con tutti gli strumenti, zaino, selletta, guanti, casco e oggi alcune vele con attrezzatura pesano meno di 10kg, con un costo medio che si aggira sui 5000 euro”.

Il discorso si è poi spostato sulla specialità Hike and Fly, cammina e vola, che prevede appunto che un numero limitato di atleti percorra anche oltre i 1000 km in quota tra corsa e volo, “ad esempio – ha detto Pelucchetti -  una delle più famose è da Salisburgo al Principato di Monaco percorrendo tutte le Alpi, si corre anche per due tre settimane con varie tattiche e strategie. Esistono poi i Contest, attraverso un sito Internet con il GPS ogni atleta può caricare i propri voli che danno un punteggio ed una classifica annuale”.

Le domande dei soci hanno poi consentito a Pelucchetti di spiegare il parapendio biposto con istruttore e allievo, oppure con le persone che vogliono provare l’emozione del volo, e qui il socio consigliere Roberto Gheza ha proposto al Club un breve filmato sulla sua esperienza di volo dalle pendici dell’Etna fino al mare. Altra domanda sugli incidenti: “ci sono certo degli incidenti ma sono meno numerosi sicuramente di auto e moto, e dipendono sempre da una serie di cause, che coinvolgono il meteo, il pilota, il mezzo utilizzato, ma soprattutto la situazione meteorologica, se non ci sono le condizioni ottimali non si vola mai’. Pelucchetti ha poi spiegato anche che esiste un paracadute d’emergenza che permette una maggior sicurezza in caso di guasto, ha risposto alla domanda sul volo in pianura, ‘esiste ed esistono le termiche anche in pianura, il problema è la partenza ma si parte a traino di un’auto alla quale si è agganciati”, ha annunciato per il 12 e 13 settembre a Rovetta la manifestazione ‘I can fly in Presolana’ una due giorni in parapendio con 45 atleti. Al termine della serata la consegna dei gagliardetti ai tre ospiti e l’appuntamento a settembre per un’altra conviviale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136