Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


63 nuove agricole di giovani lombardi, 1,7 milioni di euro dalla regione: la ripartizione sul territorio

domenica, 3 maggio 2020

Darfo Boario Terme – La Regione Lombardia, nell’ambito del Piano di Sviluppo rurale 2014-2020, ha destinato 1,7 milioni di euro per la costituzione di 63 nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori. Dal 2014 a oggi sono stati decretati 27 milioni di euro a 1.200 nuove aziende gestite da under 40.

rolfi“Investire nei giovani in agricoltura – ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi – è il miglior antivirus possibile. Le ragazze e i ragazzi portano nuove idee, nuove tecnologie, nuove energie per rendere il settore primario sempre piu’ sostenibile e moderno. Questi ultimi due mesi ci hanno fatto capire l’importanza dell’agricoltura e di tutto il comparto agroalimentare che in Lombardia garantisce lavoro a 150 mila persone”.

“Aiutiamo non solo a far nascere nuove aziende – ha aggiunto Rolfi – ma anche a favorire il ricambio generazionale. Abbiamo riservato una quota anche alle zone svantaggiate di montagna, dove fare agricoltura e’ una pratica eroica che consente la cura dell’ecosistema, rappresenta un presidio contro lo spopolamento, garantisce prodotti unici di qualita’ ed e’ un volano turistico importante”.

Le risorse saranno cosi’ ripartite:

Bergamo 10 aziende 290 mila euro

Brescia 21 aziende 570 mila euro

Como 8 aziende 200 mila euro

Lecco 7 aziende 180 mila euro

Lodi 1 azienda 20 mila euro

Mantova 6 aziende 120 mila euro

Monza Brianza 1 azienda 20 mila euro

Pavia 5 aziende 140 mila euro

Sondrio 2 aziende 60 mila euro

Varese 2 aziende 50 mila euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136