Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ubriaca, in centro a Cles sorpassa e provoca incidente

domenica, 8 settembre 2019

Cles – Provoca un frontale davanti ai carabinieri a Cles (Trento): il suo tasso alcolemica supera di cinque volte i limiti. Complice un tasso alcolemico quasi cinque volte superiore a quello tollerato (l’etilometro dell’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cles ha segnato 2,30 g/l), una 25enne residente a Ville d’Anaunia ha prima erroneamente  valutato la possibilità di eseguire un sorpasso in pieno centro abitato (i fatti sono successi a Cles, in Via Trento, alle ore 19.30 di ieri), poi ha azzardato la manovra invadendo l’opposta corsia di marcia dove si è frontalmente scontrata contro un’utilitaria condotta da un 70enne.

carabinieri clesI fatti in questione hanno del singolare in quanto si sono verificati sotto gli occhi di una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cles. I militari seguivano infatti l’autovettura condotta dalla ragazza ed avevano percepito che qualcosa, nel suo modo di guidare, non andasse per il verso giusto: aveva impegnato la strada immettendosi da una via secondaria in velocità e, sebbene in un contesto di traffico urbano, restava molto vicina all’auto che la precedeva frenando spesso e bruscamente. I carabinieri, che avevano per questo deciso di verificare le condizioni psicofisiche del suo conducente, non sono però riusciti a farlo in tempo: l’incidente si è verificato infatti pochi metri dopo, sotto i loro occhi.

I medici dell’ospedale di Cles hanno ricoverato, in osservazione, il 70enne (solo lui ha riportato lesioni), il quale ha avuto la peggio. Non versa in pericolo di vita ma ha riportato lesioni sternali che potrebbero comportare tempi di guarigione piuttosto lunghi. Per questo, qualora la prognosi dovesse superare i 40 giorni, cosa piuttosto verosimile, la donna risponderebbe di lesioni stradali gravi (il delitto, quando commesso da persona con un alto tasso di alcolemia, è punito con la reclusione da 3 a 5 anni). Alla predetta, intanto, è stata ritirata la patente, documento che potrà essere sospeso per un periodo minimo di un anno (qualora condannata per il reato di cui si è detto, la patente verrebbe revocata).

Quello di ieri, per la cronaca, è il quinto ritiro di patente per guida in stato di ebbrezza eseguito dai carabinieri della Compagnia di Cles negli ultimi 15 giorni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136