Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Tuenno, esposta in piazza l’opera realizzata da Vispe in pensione

venerdì, 17 luglio 2020

Tuenno – L’opera realizzata col progetto delle “Vispe in Pensione” (VIP) di Ville d’Anaunia e di diversi paesi del Trentino sarà esposta domani alle 18 nella piazza centrale di Tuenno (Trento). Durante le settimane più pesanti dell’emergenza sanitaria un gruppo di donne aveva lanciato “Il Filo che ci unisce”, che ha fatto riscoprire il lavoro a maglia a tantissime signore di Ville d’Anaunia e di tutto il Trentino. La loro coperta colorata, del peso di 2 quintali, sarà esposta domani grazie all’aiuto dei vigili del fuoco e degli alpini.

Vip 01 - VilleL’INIZIATIVA - Un filo che unisce Ville d’Anaunia e l’intero Trentino. Una coperta immensa, ampia oltre 110 metri quadrati per abbracciare idealmente tutte le persone che hanno sofferto la solitudine, l’isolamento o la malattia durante i mesi del lockdown. Il risultato del progetto lanciato dalle Vip (Vispe in pensione) di Tuenno verrà svelato sabato 18 luglio alle 18 in Piazza Alpini a Tuenno. Le Vip – donne tenaci, entusiaste e che amano la concretezza – in un momento di difficoltà e smarrimento come l’emergenza sanitaria Covid hanno saputo fare squadra e trasmettere un messaggio di speranza che ha unito una comunità sempre più allargata.

L’idea è nata quasi per gioco: è bastato un giro di telefonate tra le dieci signore di Tuenno e subito è partito il viaggio de “Il filo che ci unisce”. Dopo aver contattato amiche e conoscenti dei vari paesi che formano Ville d’Anaunia, le Vip hanno lanciato l’invito attraverso i social e così in tantissime case si è tornati a lavorare a maglia. Il bisogno di sentirsi ancora parte della comunità, sia paesana che umana, si è concretizzato in un lavoro dai mille colori. “In breve tempo siamo state sommerse da foto, incoraggiamenti e ringraziamenti” raccontano le protagoniste. Nonne che hanno ripreso a sferruzzare dopo anni, donne che hanno rispolverato abilità dimenticate e giovani mamme che si sono affidate ai tutorial su YouTube per imparare i punti con i loro bambini.

Vip 02 - Ville“Questo filo ci ha unito e ci ha fatto compagnia, consentendoci di affrontare con spirito diverso le settimane della segregazione” sono le parole delle Vip, che hanno condiviso le immagini dei loro lavori su Facebook e in chat. Quindi il progetto è di fatto esploso: man mano che passavano i giorni e le settimane la comunità del “filo” si è ampliata raggiungendo anche le valli del Trentino più lontane: hanno collaborato persone di Coredo, Cles, Mezzocorona, Trento, San Martino di Castrozza, Rovereto, Castel Tesino, Civezzano, Besenello, Cagnò, Casez, Tregiovo e Cis.

L’EVENTO - Insomma, l’entusiasmo delle Vispe in pensione ha fatto breccia nel cuore di molti. E il risultato, presto, sarà sotto gli occhi di tutti. Poco più di un mese fa è iniziata la consegna dei lavori: “Siamo state inondate da montagne di lana e cotone lavorati in tutti i modi possibili. Il filo è cresciuto grazie a moltissime mani ed è arrivato a 115 metri quadrati, per un peso complessivo di 2 quintali”.

Vip 03 - Ville

Ma il lavoro per le Vip non è finito qui: munite di mascherine ed entusiasmo hanno lavorato giorni e lunghe serate per unire tutti i pezzi di questo straordinario puzzle. La maxi coperta sarà stesa in piazza domani – sabato 18  luglio – alle 18 – ma qualche bel frammento verrà esposto anche alle finestre dei municipi di Tassullo e Nanno proprio per unire idealmente le signore delle Ville che hanno partecipato. Il Comune di Ville d’Anaunia con il sindaco Francesco Facinelli ha supportato le Vip nell’esporre la coloratissima opera, con l’indispensabile aiuto dei vigili del fuoco volontari guidati dal comandante Domenico Tretter e del Gruppo alpini con il presidente Luigi Dallavalle.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136