QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino: APOT alla Green Week per parlare della “Mela consapevole”

martedì, 8 marzo 2016

Trento – Ancora sostenibilità al centro del dibattito “Mela consapevole: spunti per la frutticoltura di domani”, tenutosi sabato a Trento in occasione della quinta edizione della “Green Week”.Alessandro Dalpiaz mela trento

Alessandro Dalpiaz direttore di Apot e di Assomela è intervenuto all’incontro presentando l’impegno attuale e futuro dei produttori italiani di mele nell’organizzare e individuare processi di coltivazione sempre più sostenibili.

Una sfida stagione dopo stagione, per comprendere con la massima accuratezza possibile il livello di impatto in termini di consumo energetico, impatto che ha a che fare certamente con la coltivazione, ma altresì con la produzione, la conservazione fino alla commercializzazione della mela.

Obiettivo? Creare una mela che non sia solo sana, bella e buona, ma che sia “consapevole”, per dirla in termini metaforici, cioè coerente con l’ambiente naturale, ove l’intervento umano sia il più sostenibile possibile.

“Per il mondo produttivo l’elemento discriminante oggi non è il processo, ma il prodotto finale, che sia compatibile con le regole della natura” – ha dichiarato Alessandro Dalpiaz – “E’ da anni che avviciniamo il tema della sostenibilità; Assomela ha ottenuto la prima “Dichiarazione Ambientale di Prodotto” già nel 2012, grazie alla piena condivisione e organica collaborazione tra i Consorzi, portando ad un significativo risultato per l’intero settore produttivo melicolo italiano. Per giungere alla certificazione abbiamo analizzato diverse macrovariabili nella filiera ‘campo – commercializzazione’, con la quantificazione dei parametri ‘carbon footprint’, ‘blue water footprint’ ed ‘ecological footprint’. Un’analisi scientifica più approfondita è stata parallelamente affidata alla libera Università di Bolzano, che con le proprie competenze scientifiche ha analizzato il ruolo di diversi altri fattori che incidono sulla “impronta carbonica” del processo produttivo del settore della mela. 

Significativo il fatto che in Trentino Alto Adige, dove si produce il’75% di mele Italiane, quasi tutta l’energia usata per la frigoconservazione delle mele deriva da fonti rinnovabili.

In ogni caso questo processo avvicina sempre di più l’obiettivo di una frutticoltura sostenibile e pulita, con al centro la salute del “Sistema”, che comprende le risorse naturali, il territorio, i produttori e la collettività nel suo insieme.

Il lavoro di monitoraggio e di analisi svolti dai produttori testimoniano un’ottima collocazione del settore melicolo nella ‘piramide di impatto’ in termini energetici – ha conculso Dalpiaz – L’importanza del risultato ha portato Assomela e i più importanti Consorzi Associati a chiedere ed ottenere la conferma della certificazione ambientale di prodotto per il periodo 2016 – 2018”.

Apot rappresenta i consorzi “Melinda”, “La Trentina” e “Valli Trentine”, con 5.070 soci produttori in 8.961 ettari di meleti. Il sistema occupa negli stabilimenti 1400 lavoratori; la produzione di mele del 2015 è stata di circa 500.400 tonnellate.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136