Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trentino Alto Adige, il progetto Joinki premiato a livello internazionale tra i programmi ‘Teaching abroad’

sabato, 8 febbraio 2020

Cles – Joinki è il nome del programma internazionale di madrelingua inglesi e tedeschi (o con un livello C2 di conoscenza della lingua) in Trentino-Alto Adige. Si tratta di madrelingua speciali perché sono anche tutor linguistici. Hanno infatti esperienza di tutoraggio linguistico o hanno insegnato nel loro paese di provenienza.

La loro età media è di 24 anni circa, vengono ospitati in famiglie selezionate della regione da 1 a 2 mesi ed in cambio della ospitalità hanno il compito di insegnare la lingua in famiglia, comunicare in lingua, correggere e comunque rendere lo studio della lingua straniera vivo e divertente.

Il team di Joinki parla con orgoglio dei risultati di questi primi 3 anni e del recente riconoscimento di una agenzia americana (www.gooverseas.com) che lo ha scelto fra 10.000 organizzazioni fra i migliori programmi al mondo nella categoria Teaching abroad. Innumerevoli tutor giunti sino ad ora da USA, Canada, Germania, Australia e altri Paesi. “Ma perché un tutor sceglie di partecipare a Joinki? I tutor hanno una grandissima motivazione ad insegnare la loro lingua madre e sposano con gioia l’obiettivo di Joinki, diffondere le lingue nella società.

L’accurata scelta della famiglia e dei tutor partecipanti al programma è una delle caratteristiche del programma di Joinki, che ricordiamo, rappresenta una valida alternativa al viaggio all’estero per i bambini/ragazzi in età scolare, età nella quale dovrebbe avvenire la maggiore esposizione dei bambini a parlanti madrelingua.

Le persone hanno bisogno della lingua per i più svariati motivi: l’inglese serve sempre più spesso per il lavoro, a scuola, nei viaggi, il tedesco per trovare un lavoro e per le relazioni commerciali con i paesi di lingua tedesca.  Il tutor che riesce ad instaurare una bella relazione con la famiglia ne accelera l’apprendimento linguistico, motiva allo studio, introduce metodologie alternative e coinvolgenti, fa conoscere una nuova cultura. Joinki raccoglie le adesione delle famiglie durante tutto l’anno ma concentra il suo lavoro soprattutto nel periodo estivo.

Non ci resta che fare il tifo per questo progetto che in maniera così ambiziosa vuole diffondere le lingue nella società, attiva progetti di implementazione linguistica in collaborazione con le università, inserisce tutor madrelingua nelle scuole di ogni ordine e grado in affiancamento al personale docente ed unisce il tutto alla promozione del territorio della regione e delle sue bellezze.

Ecco alcuni dati di Joinki sino ad ora.

Joinki è un programma giovanissimo lanciato ad inizio 2016 nato per diffondere le lingue nella società; Joinki è stato premiato fra i migliori programmi al mondo nella categoria Teaching Abroad del 2019 da www.gooverseas.com, scelto fra 10.000 organizzazioni a livello mondiale. Joinki è l’unico programma internazionale del Trentino-Alto Adige e del Nord Italia che propone una così ampia interazione sociale della figura del tutor linguistico. 77 Tutor arrivati in Trentino sino ad ora ed assegnati alle famiglie localmente. 18.900 le ore di lingua prodotte prodotte da parlanti madrelingua in Trentino dal progetto Joinki sino ad ora. 26 convenzioni con istituti scolastici (superiori, istituti comprensivi e scuole dell’ infanzia) per affiancamento della figura del tutor agli insegnanti di lingua; Partner di Bilinguismo Conta dell’Università di Trento, filiale dell’organizzazione “Bilingualism Matters” diretta dalla prof. Sorace all’ Università di Edimburgo“.

Sito: www.joinki.it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136