Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tempo di bilanci dell’estate di controlli per la Polizia Stradale trentina: 1437 pattuglie impiegate, oltre 3mila violazioni contestate

venerdì, 20 settembre 2019

Brennero - L’estate appena trascorsa ha visto la costante presenza, sull’intera rete viaria provinciale, degli operatori dalla Polizia Stradale, che hanno dato il consueto apporto alla gestione della sicurezza degli utenti della strada sia in termini sia preventivi, che repressivi.

polizia stradale controlliIn occasione del cosiddetto “esodo estivo”, che ha interessato l’asse autostradale del Brennero e le valli trentine caratterizzate da forte vocazione turistica, è stata prestata particolare attenzione al controllo delle condotte, talvolta spregiudicate, di quegli automobilisti che per indisciplina e scarso senso civico mettono sovente a rischio la propria e l’altrui vita.

L’impegno si è concretizzato sul territorio nel periodo dal 1 giugno al 31 agosto, mediante la presenza di 1437 pattuglie impiegate per la vigilanza stradale, di cui 769 dedicate all’autostrada del Brennero. In particolare sono stati svolti:

  • 3 servizi coordinati dalla Questura di Trento di controllo specifico sulle condizioni psicofisiche dei conducenti (contrasto al fenomeno della guida sotto l’influenza di alcool e droga) con la collaborazione dell’Ufficio Sanitario della Questura di Trento. Nel corso di questi controlli sono stati controllati 127 conducenti, contestando 5 violazioni per guida in stato di ebbrezza e 1 violazione per guida sotto l’influsso di sostanze stupefacenti;
  • 57 servizi di controllo con misuratori di velocità (autovelox o telelaser);
  • 64 le pattuglie impiegate per le “Operazioni Alto Impatto”, all’interno di giornate dedicate a vari ambiti d’interesse per la circolazione stradale, quali uso delle cinture di sicurezza, uso di telefoni durante la guida, impiego del casco da parte di motociclisti, stato dei pneumatici nonché nei molteplici settori del trasporto professionale merci e passeggeri;
  • 28 le pattuglie impiegate in servizi di scorta (nella quasi totalità a manifestazioni sportive);
  • 12 di centro mobile di revisione in collaborazione con il Dipartimento dei Trasporti Terrestri della P.A.T. effettuati presso l’area attrezzata sita all’interno dell’Area di Servizio Paganella Est”, di proprietà della società “Autostrada A22 del Brennero”.

Il preoccupante fenomeno dell’incidentalità con coinvolti motociclisti ha portato, anche con l’interessamento del Commissario del Governo e del Questore di Trento, a numerosi controlli specifici sui passi montani provinciali nel corso, in particolare, dei fine settimana. Durante questi controlli la Polizia Stradale ha impiegato 22 pattuglie che hanno controllato complessivamente 331 conducenti, contestando 91 violazioni al Codice della Strada con la decurtazione complessiva di 101 punti patente.

Nonostante gli sforzi prodotti nel periodo dal 1° giugno al 31 agosto la Polizia Stradale ha rilevato nell’intero territorio provinciale 83 incidenti stradali, di cui 1 con esito mortale (un deceduto), 47 con lesioni alle persone (75 persone ferite) e 37 con danni a cose.

Sono state complessivamente contestate 3174 violazioni al Codice della Strada, delle quali 416 per velocità pericolosa o superamento dei limiti di velocità, 216 per il mancato uso delle cinture di sicurezza, 207 per uso di telefoni durante la guida e 28 per guida in stato di alterazione psicofisica. 129 le patenti di guida ritirate, 64 le carte di circolazione ritirate e 5252 i punti patente decurtati. Complessivamente sono stati sottoposti a controllo con etilometro o precursori 6861 conducenti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136