Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Infiltrazioni e riciclaggio Cosa Nostra in società agricole trentine, indagine e perquisizioni

mercoledì, 9 ottobre 2019

Trento – In data odierna personale del Nucleo di Polizia Economica e Finanziaria della Guardia di Finanza di Trento ha effettuato numerose perquisizioni presso la sede di società del Trentino e della Sicilia, considerate tra le principali cooperative agricole italiane che operano nel settore della produzione e commercializzazione dei vini e dei piccoli frutti.

Tali attività rientrano in un fascicolo, allo stato, contro ignoti. Le ragioni di questa operazione sono fondate su gravi indizi che hanno denotato una infiltrazione di cosa nostra, effettuata attraverso riciclaggio di beni, terreni e fornitura di merce da parte della criminalità organizzata di stampo mafioso siciliana.

L’inizio dell’infiltrazione nelle società trentine risale al 2001 e continua a tutt’oggi. La Procura della Repubblica e la Guardia di Finanza di Trento stanno compiendo indagini per accertare i responsabili del riciclaggio, il loro coinvolgimento eventuale in associazioni per delinquere di stampo mafioso, a tutela degli imprenditori trentini virtuosi che, inconsapevoli dell’infiltrazione, operano nell’ambito della produzione di vino (oltre 1500 soci conferitori di uve che lavorano su oltre 2.500 ettari di vigneto) e di piccoli frutti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136