Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Il paese delle meridiane cresce, sono 56 a Monclassico e Presson

lunedì, 3 agosto 2020

Monclassico – Il paese delle meridiane cresce ancora: sono 56 quelle artistiche che rendono unico Monclassico e Presson. Il progetto che ha fatto di Monclassico e Presson il paese delle Meridiane artistiche, continua e un altro tassello si è aggiunto a questo speciale museo a cielo aperto. meridiana monclassicoÈ stata, infatti, presentata e consegnata alla comunità solandra (foto) in una serata intrattenuta dalla banda locale la cinquantaseiesima opera, firmata da Giuseppe De Donà per la parte astronomica e dal noto artista della Val di Non, Danilo Pozzati, che ha curato la parte artistica.

consegnaIl nuovo orologio solare, dipinto con una particolare tecnica, arricchisce il percorso molto apprezzato da residenti e turisti, e fa bella mostra sulla casa dei coniugi Claudio e Petra Ravelli, noti medici della zona e proprietari della casa che ospita la meridiana. Esposto ad Ovest, segna con la massima precisione le ore pomeridiane ed è ricco di simboli, storie e curiosità riferite ai luoghi di provenienza e alla professione dei proprietari della casa. bandaL’Associazione culturale Le Meridiane, presieduta da Sandro de Manincor, noto professionista nel settore televisivo, ha presentato anche il calendario delle meridiane 2021, il progetto di un libro fotografico dedicato a tutte le opere presenti, e le numerose altre attività quali le visite guidate e i laboratori dedicati ai bambini, e le collaborazioni con le altre Associazioni presenti sul territorio.

Monica Tomasi Sandro de ManincorUn’attività proficua, sostenuta dall’Assessorato alla cultura del Comune di Dimaro Folgarida (nella foto l’assessore Monica Tomasi), e che ha ottenuto l’inserimento nelle “wow experiences” della Val di Sole, promosse dalla locale APT, per rendere indimenticabili le vacanze dei numerosi turisti. All’artista Danilo Pozzati è stata consegnata una targa a ricordo della sua preziosa opera e la serata è stata allietata dalla musica del Corpo bandistico di Dimaro e dalla Pizza in Piazza preparata dal Comitato PersoSon.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136