Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


I ragazzi colpiti da virus a Folgarida dimessi dagli ospedali

giovedì, 30 gennaio 2020

Folgarida – Tutti dimessi i ragazzi in vacanza a Folgarida (Trento), colpiti da un virus e ricoverati negli ospedali di Cles e Santa Chiara di Trento. Le comitive sono rientrate nelle loro città di provenienza.

Ospedale - Valli del NoceSono stati tutti dimessi nelle scorse ore i ragazzi ricoverati negli ospedali di Cles e Trento in seguito a malori che si sono manifestati a partire dalla notte del 29 gennaio. In totale sono stati ricoverati in osservazione 15 ragazzi, 13 all’ospedale Valli del Noce di Cles e due all’ospedale Santa Chiara di Trento. L’Azienda provinciale per i servizi sanitari ha assistito sul posto e in ospedale circa 200 ragazzi provenienti dall’Emilia-Romagna e dalla Toscana in vacanza a Folgarida di Dimaro, in Val di Sole. Si stanno attendendo i risultati delle analisi sugli alimenti prelevati nel corso del sopralluogo effettuato da Nas e tecnici di igiene dell’Apss.

I ragazzi si sono sentiti male durante la notte di mercoledì scorso e sono stati subito soccorsi dal sistema di Trentino Emergenza e dalle strutture territoriali dell’Apss. Sul posto sono intervenuti i medici e gli infermieri del 118, i medici dell’assistenza territoriale e i soccorritori delle associazioni di volontariato (Croce Rossa, Volontari Val di Non e Croce Bianca Trento).
All’interno dell’albergo che ospitava le comitive è stata allestita un’astanteria per curare direttamente sul posto le persone che mostravano sintomi gastrointestinali e limitare i disagi per ragazzi e accompagnatori, presidio che è stato smantellato nella mattinata di oggi. Le comitive sono partite tra il pomeriggio di ieri e la mattinata di oggi.
Apss sta indagando per identificare la causa dell’episodio e stabilire se si tratta di una intossicazione alimentare o di un’infezione virale non legata ad alimenti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136