QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Arco, grande partecipazione al Concorso Pigarelli: il Coro Cima Tosa delle Valli Giudicarie si impone nella prima edizione

lunedì, 26 ottobre 2015

Arco – Partenza col botto per la prima edizione del Concorso “Luigi Pigarelli”, riservato a cori maschili di derivazione popolare, che nelle giornate di sabato e domenica ha radunato a Arco 24 cori in gara e un totale di 3.000 persone provenienti da tutta Italia. Un successo pieno per un evento organizzato dalla Federazione Cori del Trentino che, appena nato, già diventa un punto di riferimento per il mondo corale nazionale.

Il Coro Cima Tosa delle Giudicarie vincitore del Concorso PIgarelli

Le audizioni dei 24 cori partecipanti hanno messo in luce un ottimo livello medio ed è stato quindi arduo per la giuria stilare la graduatoria. Alla fine della “due giorni” corale i giudizi tecnici hanno premiato il Coro Cima Tosa Valli Giudicarie di Fiavè/Stenico che ha preceduto ex aequo il Coro Stelutis Alpinis di Milano (composto interamente da giovani universitari) e il Coro Monte Cusna di Reggio Emilia.

Ex aequo anche il terzo posto con i trentini Coro Città di Ala e Coro San Romedio Anaunia di Romeno. 4° classificato il Coro Monte Pallidi di Laives e 5° classificato il Coro Monte Peller di Cles.

Simone Bassi del Coro Stelutis Alpinis premiato quale direttore emergente

La giuria (Giuseppe Calliari, Mario Lanaro, Ferdinando Lorenzi, Fabiana Noro e Mauro Pedrotti) ha ritenuto di esprimere una menzione speciale al direttore Riccardo Lapo del Coro Voci del Pasubio per “il lavoro serio e approfondito con il coro”. Simone Bassi (foto sotto) del Coro Stelutis Alpinis è stato premiato quale direttore emergente, mentre la palma del miglior direttore è andata a Piergiorgio Bartoli del Coro Cima Tosa.

Grande soddisfazione e una autentica festa per la coralità - spiega il presidente della Federazione Cori del Trentino Sergio Franceschinelli - che ha evidenziato i valori dell’aggregazione e dell’amicizia ma soprattutto ha contribuito a un confronto significativo sulle questioni tecniche ed espressive delle diverse anime della coralità, nella direzione di una crescita generale del movimento e di un suo rinnovamento. Un sentito ringraziamento alla giuria e al Coro Castel SAT di Arco per la collaborazione”. Casinò stipato durante le audizioni

Ciliegina sulla torta del concorso l’esibizione, presso uno stipato Salone delle feste del Casinò di Arco, del Coro della SAT di Trento che ha catalizzato l’entusiasmo delle centinaia di appassionati ponendosi ancora una volta come punto di riferimento di questo importante movimento. Appuntamento al 2017 con la seconda edizione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136