Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trentino, ecco il Protocollo per la ristorazione d’asporto: dalla preparazione ai pagamenti, i dettagli. Sindacati contro le scelte sui guanti

mercoledì, 29 aprile 2020

Trento – Da oggi i trentini potranno acquistare cibi da asporto, sulla base di quanto prevede l’ultima ordinanza del presidente Fugatti. In preparazione di questo passaggio il Tavolo di Coordinamento provinciale in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro ha approvato le linee guida per l’attività del settore.

E’ stato approvato ieri pomeriggio, dopo un confronto con le parti sociali interessate, il protocollo per le attività di ristorazione che effettuano asporto. Le linee guida spiegano come riprendere in sicurezza questa attività e fanno seguito al Ddl Programma Covid 19, al Protocollo generale per la sicurezza sul lavoro e a quello specifico per l’attività dei cantieri. Anche questo documento è stato elaborato dal Comitato provinciale di coordinamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro, presieduto dall’assessore allo sviluppo economico e al lavoro Achille Spinelli su delega dell’assessore alla salute Stefania Segnana, alla quale compete la firma, nonché dal gruppo di lavoro sulla ristorazione.

Fra le indicazioni che la ristorazione e le attività artigianali abilitate (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizza al taglio, ambulanti di prodotti alimentari e bevande) dovranno seguire per la vendita di cibo e bevande da asporto sul territorio della provincia vi sono la sanificazione degli ambienti di lavoro, procedure rigorose per la consegna, la produzione e la preparazione, la necessità di indossare mascherina e guanti.

Queste le modalità operative:

Addetti in servizio
Serve una rigorosa applicazione del principio di astensione dal lavoro del personale e degli addetti (compreso il titolare e i suoi familiari) che accusino sintomatologia compatibile con malattie trasmissibili con alimenti o sintomi simil-influenzali o comunque riconducibili ad infezioni Covid-19.

Sanificazione ambienti di lavoro
Si raccomanda di migliorare i servizi di igiene, un’attenzione speciale deve essere data alla pulizia come misura generale di prevenzione per l’epidemia da Coronavirus. La sanificazione di superfici che vengono spesso toccate – maniglie di porte e finestre, pulsanti, pulsantiere cassa, terminale bancomat, corrimano, interruttori, rubinetti etc – dovrà essere particolarmente accurata, scrupolosa e frequente.

Gestione spogliatoi
È necessario evitare l’affollamento attraverso un’idonea organizzazione dei turni per accedere agli spogliatoi o una diversa ripartizione/assegnazione degli spazi e applicando in modo puntuale le regole d’igiene elencate dal Ministero della Salute (decalogo), garantendo in particolar modo un adeguato distanziamento tra le persone.

Gestione del processo di consegna
I clienti devono ordinare on-line o telefonicamente. In questa fase dovrà essere concordata con il cliente data e ora del ritiro. Il cliente andrà informato sulle regole stabilite per gli ingressi per il ritiro dei prodotti, in maniera che gli stessi avvengano per appuntamento, dilazionati nel tempo, allo scopo di evitare assembramenti all’esterno.

Produzione e preparazione
La normativa europea in chiave di sicurezza degli alimenti è estremamente rigorosa nella garanzia della salute del consumatore rispetto alle malattie a trasmissione alimentare, incluse quelle causate da microrganismi quali virus e batteri. In un contesto di rapida evoluzione delle conoscenze quale quello dell’epidemia di Covid-19, è di fondamentale importanza per gli operatori del settore alimentare rafforzare le misure di igiene personale e di formazione igienica per ridurre il rischio di contaminazione delle superfici, incluse quelle degli alimenti e degli imballaggi. Deve inoltre essere assicurata la disponibilità di idonei quantitativi di sapone, guanti di tipo monouso, igienizzanti per le mani e materiali per l’asciugatura igienica per garantire il lavaggio frequente delle mani di tutto il personale.

Fase di confezionamento
Gli alimenti da consegnare al cliente dovranno essere inseriti nelle confezioni/imballaggi negli spazi ove normalmente vengono preparati e dove il personale adotta buone prassi di igiene e di produzione come stabilito dal Piano di autocontrollo. Gli imballaggi dovranno essere idonei al contatto con alimenti e dovranno anch’essi essere custoditi all’interno della struttura in maniera igienica.

Fase di consegna e pagamento
Ciascun operatore del settore alimentare deve organizzare un percorso dedicato per l’accesso e il ritiro della merce. Sarebbe meglio differenziare, laddove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.

Deve essere ben delimitato lo spazio per la consegna ed il pagamento; se il banco non garantisce la distanza di almeno un metro, dovranno essere installate barriere fisiche o, in alternativa, dovrà essere contrassegnata sul pavimento la distanza da mantenere.

Va effettuata quale condizione ordinaria il mantenimento dell’apertura della porta di accesso. Dove possibile la consegna può essere effettuata anche all’esterno del locale.
E’ necessaria l’igienizzazione delle mani da parte dei clienti, per questo deve essere messo a disposizione un dispenser da usare appena entrati e dopo il pagamento. All’interno della struttura può entrare un solo cliente per l’acquisto delle merce d’asporto e lo stesso deve trattenersi il tempo strettamente necessario alla consegna e al pagamento.

Il personale addetto all’attività di asporto e che entra in contatto con il cliente, deve indossare la mascherina e impiegare guanti di tipo monouso. Non potranno essere fatte le degustazioni alimentari o assaggi sul posto. La consumazione è consentita solo presso la propria abitazione oppure presso il proprio luogo di lavoro. Si deve preferire il pagamento elettronico (es. POS mobile, Applicazioni telefoniche, bonifici, etc.), evitando di manipolare denaro contante.

Referente Covid-19
Al fine di supportare il datore di lavoro nella fase di riavvio dell’attività, è fortemente raccomandata all’interno della propria organizzazione, l’individuazione della figura del referente Covid-19.

Modalità operative obbligatorie per tutti i clienti
Fermo restando i vincoli sulla mobilità (acquisti nel proprio comune o nel comune di prossimità se l’attività economica non è presente o nel tragitto casa-lavoro), nonché il vincolo di permanenza nel proprio domicilio di chi manifesta sintomi simil-influenzali o comunque riconducibili ad infezioni Covid-19, i consumatori nella fase di consegna dei prodotti devono indossare la mascherina e devono rispettare le disposizioni circa l’igienizzazioni delle mani.

L’ordinazione non potrà in alcun modo essere consumata sul posto. La consumazione è consentita solo presso la propria abitazione oppure presso il proprio luogo di lavoro.

Al rientro a casa o sul posto di lavoro, il cliente dovrà avere cura di non appoggiare le borse e contenitori utilizzate per il trasporto dei prodotti su superfici con cui verranno in contatto alimenti. Prima di riporre il cibo è necessario lavare accuratamente le mani.

OK DAI SINDACATI MA CRITICA A SCELTA SUI GUANTI

Le misure sono state condivise anche da Cgil Cisl Uil tranne in un punto ritenuto dalle organizzazioni sindacali cruciale, che invece l’Azienda sanitaria ha deciso di non accogliere e cioè l’uso obbligatorio dei guanti in tutte le fasi, cioè preparazione, manipolazione e consegna delle pietanze. “Abbiamo chiesto che anche in Trentino venisse previsto quanto è indicato dal Istituto Superiore della Sanità e cioè l’utilizzo dei guanti ad uso alimentare in tutte le fasi – dicono Manuela Faggioni della Cgil, Milena Sega della Cisl e Gianni Tomasi della Uil -. Non c’è alcuna ragione per non prevedere anche sul nostro territorio una misura che l’ISS ritiene utile per ridurre la possibilità di diffusione del virus”.

Da qui la decisione di prendere, almeno su questo punto, le distanze da quanto approvato. “Non è una questione di pura formalità, ma di sostanza e che ci vede impegnati nel chiedere che anche nella nostra provincia, in tutti i settori, siano rispettate le procedure di cautela e contenimento indicati anche dagli esperti nazionali”, insistono i tre sindacalisti.

“Al contrario l’Azienda Sanitaria di Trento ha ritenuto di limitare l’uso dei guanti nelle cucine e nei laboratori alle occasioni già previste nelle procedure aziendali precedentemente al periodo emergenza-Covid, senza prendere in considerazione che tali dispositivi sono ritenuti dall’ISS “mezzo idoneo a ridurre la possibilità di deposizione del virus SARS-CoV-2 sugli alimenti, in presenza di soggetti inconsapevolmente infetti“.

Come continuiamo a ribadire non siamo disposti ad accettare passi in avanti sulle aperture che non siano supportate da una seria analisi scientifica sui dati relativi all’andamento dei contagi e della trasmissibilità del virus. Il rischio è quello di dover tornare indietro con conseguenze ancora peggiori”, concludono Faggioni, Sega e Tomasi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136