QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

La presenza degli orsi e le regole in Trentino

giovedì, 23 marzo 2017

Pinzolo – La presenza dell’orso che rivela la straordinaria qualità dell’ambiente naturale trentino e l’inizio della stagione primaverile con i primi avvistamenti, che già avvengono in questi giorni, riportano all’attenzione il tema della convivenza fra uomo e animale.

Una convivenza possibile, a patto che si rispettino alcune semplici regole di comportamento, che la Provincia autonoma di Trento, attraverso il Servizio Foreste e Fauna, ricorda con una serie di iniziative di comunicazione, la più immediata delle quali è la cartellonistica posizionata sul territorio, che segnala agli escursionisti la presenza del plantigrado.

orsiNei giorni scorsi è stata effettuata un’opera di controllo, manutenzione e sostituzione dei cartelli mancanti in alcune aree e di posizionamento di nuovi cartelli. Sono oltre 200 quelli presenti attualmente in Trentino occidentale.

Considerato il risveglio dal letargo in corso in queste settimane e la possibile presenza di nuove cucciolate nei prossimi mesi, è utile ed importante che turisti e residenti vengano informati sulle norme di comportamento da seguire.

Ecco le principali:

- non attirare l’orso in alcun modo
- non lasciare mai cibo o rifiuti organici a disposizione dell’orso
- in caso di avvistamento a distanza, non avvicinarsi
- in caso di incontro ravvicinato, non correre o muoversi con concitazione, allontanarsi lentamente
- segnalare per tempo la propria presenza facendo del rumore o parlando ad alta voce
- nel caso un orso mostri chiari segni di aggressività rimanere fermi con atteggiamento passivo
- tenere i cani al guinzaglio
- comunicare eventuali segni di presenza chiamando il 335/7705966
- per le emergenze chiamare il numero 115

Per approfondire: www.orso.provincia.tn.it


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136