Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Grande nevicata in Trentino, problemi sulle strade: due metri al Tonale, un metro a Campiglio e Passo Coe

domenica, 6 dicembre 2020

Trento – Le precipitazioni sono proseguite, a fasi intermittenti anche nel corso della notte. Attualmente la quota neve irregolare, mediamente a 1500-1700 metri, ad eccezione dei settori nordoccidentali dove nevica a partire dai 1100-1200 metri. Si registrano problemi diffusi per allagamenti con trasporto di materiale sulla piattaforma stradale e piccoli smottamenti, con locali restringimenti di carreggiata.

In montagna, a quote superiori a 1000-1200 metri prosegue la pulizia delle strade dalla neve con lame e frese. Sono inoltre in corso in diversi settori del territorio a quote superiori ai 700 – 1000 metri interventi per il taglio e la rimozione di piante in stabilizzate dalla neve e dalla pioggia caduta nei giorni scorsi. Dal 15 novembre è in vigore l’obbligo di viaggiare con pneumatici da neve o catene a bordo, montate durante le precipitazioni nevose.

Strade sett 1 – ALTA VALSUGANA
valanga nevicataNevica oltre 1600 metri di quota. Sono caduti circa i seguenti quantitativi di neve:
Zona Passo Vezzena 60-70 cm.
Monte Panarotta parcheggio piste da sci 60 cm.
Passo del Redebus – Alta Val dei Mocheni 50 cm.
Prestare particolare attenzione lungo la SS 47 della Valsugana per la formazione di localizzati dissesti nella piattaforma stradale dovuti ad infiltrazioni d’acqua. Altresì prestare attenzione per localizzati tratti ghiacciati lungo le strade dell’altopiano di Lavarone.
Si evidenzia il divieto di transito per gli automezzi complessi con massa a pieno carico maggiore di 7,5 tonnellate (autotreni e autoarticolati) della SS 350 Folgaria – Val D’Astico tra località Carbonare di Folgaria e Lastebasse (confine provinciale).
Chiusa per caduta sassi la SP 133 di Monterovere che da Caldonazzo e Levico Terme conduce verso Luserna.

Strade sett 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA
Nevica oltre 1600 metri di quota. Complessivamente non si segnalano particolari problemi alla circolazione.
Sono caduti circa i seguenti quantitativi di neve:
Altopiano della Paganella 60 cm.
Monte Bondone in località Vason e Viote 100 cm.
Chiusa per pericolo valanghe la SP 25 di Garniga tra località Garniga Vecchia e località Viote.
Istituito senso unico alternato lungo la S.P. 76 Gardolo – Lases per caduta massi, tra Gazzadina e Albiano.

Strade sett 8 – ROVERETO – VALLARSA – VALLAGARINA
Nevica oltre 1600 metri di quota. Nel complesso non si segnalano particolari problemi alla circolazione.
Sono caduti da inizio evento circa i seguenti quantitativi di neve:
Passo Coe – (Folgaria) 100 cm
Passo Sommo (Folgaria) 70 cm
Pian delle Fugazze (Vallarsa) 70 cm
Monti Lessini 80 cm
San Valentino (Altopiano di Brentonico) 90 cm
Chiusa per pericolo valange la SS 46 del Monte Pasubio – diramazione Ossario in alta Vallarsa.
Chiusa per allagamento la SS 12 del Brennero, tratto comunale a sud dell’abitato di Rovereto, deviazioni in loco.
Si rammentano infine le chiusure stagionali fino al confine di provincia, della SP 3 del Monte Baldo da località San Valentino e della SP 138 del Passo della Borcola da località Incapo a Terragnolo.

PassoTonale neveStrade sett 5 – VAL DI NON E SOLE
Nevica a quote superiori a 1300 – 1500 metri.
Sono chiuse per pericolo caduta piante:
la S.P. 87 tra Cogolo e Peio Fonti. La riapertura è prevista in giornata;
la S.S 42 tra Mostizzolo e l’intersezione con la S.P. 6 in loc. Scanna;
la S.P. 42 a monte dell’abitato di Ronzone fino a Passo Mendola. L’abitato di Passo Mendola è raggiungibile attraverso la S.P. 19;
la S.P. 229 tra Passo Mendola e località Campi di Golf.
Sono chiuse per pericolo valanghe:
la S.P. 141 di Bolentina (in comune di Malè;
la S.P. 86 a monte di Fonti di Rabbi.
Permane la chiusura della SS 238 delle Palade nel tratto in provincia di Bolzano.
Nel fondo valle sono caduti circa 40-60 cm, mentre e nelle valli di Rabbi e Peio si registrano accumuli superiori a 120 cm con punte nell’ordine di 2 metri al Passo del Tonale.
In alta val di Sole prosegue ininterrotta da ieri mattina l’attività dei mezzi per lo sgombero neve e delle frese per gli allargamenti della carreggiata.

In val di Non ed in bassa val di Sole proseguiranno anche oggi gli interventi per il taglio di piante instabili, con brevi interruzioni del traffico segnalate dal personale sul posto. Si rammenta la chiusura stagionale della S.P. 14 della valle di Tovel.

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA
Nelle valli Giudicarie ed in val Rendena nevica da 1200 – 1300 metri e piove a quote inferiori. A Madonna di Campiglio e Passo Campo Carlo Magno da ieri si registrano accumuli di circa 100 cm. Su diverse strade (S.P. 222, S.P. 236, S.S. 239) si sono registrate cadute di alberi ora risolte con l’intervento dei Vigili del Fuoco e di imprese boschive. Tutte le strade sono agibili.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA
Piove su tutto il Settore anche nelle zone più in quota.

Sono chiuse per allagamenti e colate di materiale sulla piattaforma stradale:
la S.S. 249 tra Torbole e Tempesta. Pertanto al momento è interrotto il collegamento da Torbole verso la provincia di Verona;
la S.S. 240 dir tra Nago e Bolognano di Arco.

Inoltre è chiusa per pericolo valanghe la S.P. 85: da inizio evento si registrano accumuli di neve di circa 45 cm a Passo Bordala, 25 cm a Passo S. Barbara, 70 cm a Tremalzo, 100 cm in località Viote di Monte Bondone.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO
Precipitazioni nevosa in corso da quota superiore a 1500 m. circa. A quota inferiore pioggia. Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del passo Manghen da località Baessa (km 15+500) a località Ponte Stue nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 32+500).

Permane la chiusura del passo Rolle sulla SS 50 dal km 87,00 al km 95,00 circa per pericolo valanghe. Permane la chiusura del passo Brocon sulla SP 79 dal km 18,000 al km 29,200 circa (parcheggi impianti da sci) per pericolo valanghe.

Sono chiuse:
la SP 65 dal km 11,000 al km 11,200 per frana.
la SS 47 al km 97,800 carreggiata direzione Padova per allagamento dovuto ad infiltrazioni d’acqua galleria Ausugum.
la SP 221 della Val Noana dal km 1,300 per pericolo caduta piante.
la SP 56 di Caoria al km 3,500 per abbondanti venuti di acqua e materiale dal versante di monte.
la SS 347 del passo Cereda al km 4,000 per pericolo caduta piante.
la SP 79 al km 15,550 per cedimento a valle di metà carreggiata prima del bivio per la frazione Ronco e al km 15,400 circa per cauta paramassi

Per allagamenti dovute a venute d’acqua da monte istituito un senso unico alternato sulla SS 50 dal km 62 al km 64 circa lungo il lago Schener. Neve caduta da inizio perturbazione: passo Rolle (SS 50) 150 cm; San Martino di Castrozza 100 cm. Per le restanti tratte stradali non sono segnalate criticità per il transito veicolare.

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA
Precipitazioni nevosa in corso da quota superiore a 1600 metri circa. A quota inferiore pioggia. Permane la chiusura dei passi per pericolo valanghe: passo Fedaia sulla SS 641 anticipata al km 4 circa (loc. Penia) per pericolo caduta piante fino al km 14,200 (confine con la provincia di Belluno); passo Sella sulla SS 242 dal km 35 in località Pian Schiavaneis al km 30,900 (confine con provincia di Bolzano); passo Pordoi sulla SS 48 al km 76,400 in provincia di Belluno.

Chiusa la SS 612 al km 35,680 tra Stramentizzo e Capriana per caduta masso con deviazione temporanea sulla SP 71. Istituzione di senso unico alternato sulla SP 71 al km 15,500 per colata di materiale da monte. Prolungato il tratto chiuso al traffico della SP 31 del passo Manghen dal km 32,500 località ponte Stue al km 38,500 località Piazzol per pericolo caduta piante Nella notte sui passi ulteriore accumulo di neve di circa 20 cm. Nel fondovalle si segnalano possibili criticità dovute alla presenza di ristagni d’acqua sulla carreggiata causa intasamento caditoie dalla neve.In corso la pulizia delle caditoie dalla neve e lavori di taglio piante pericolanti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136