Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, “Progettare dentro la crisi per un futuro sostenibile”

giovedì, 24 settembre 2020

Quando:
25 settembre 2020@18:00–19:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-09-25T18:00:00+02:00
2020-09-25T19:00:00+02:00

È in programma venerdì 25 settembre dalle 17 alle 19 la presentazione online dei risultati del progetto/sperimentazione Nutrire Trento Fase2 avviato nei mesi scorsi dal tavolo Nutrire Trento.

L’iniziativa, partita dai dati rilevati durante il lockdown (aumento significativo nell’acquisto di prodotti ortofrutticoli bio, aumento generale delle vendite di frutta e verdura, maggiore attenzione alla qualità, quantità e provenienza del cibo che si acquista), conferma che uno dei fattori determinanti di questi risultati è la maggiore pianificazione dei consumi che si collega anche al ricorso a nuove   modalità di approvvigionamento, come la consegna a domicilio di prodotti ortofrutticoli di provenienza locale.

La necessità di ricorrere a forme di approvvigionamento “alternativo” in tempi di lockdown non ha avuto però solo motivazioni strumentali. Spesso queste innovazioni hanno alla base motivazioni “solidali” e, se mantenute e potenziate, potrebbero essere di estremo interesse per garantire a tutti noi un futuro più sostenibile.

La ricerca ha coinvolto sessantotto famiglie residenti in città interessate a sostenere l’economia del territorio, ricevendo i prodotti agricoli direttamente a casa, e quattordici agricoltori locali ed ha puntato ad approfondire la sostenibilità (ambientale e economica) di questo sistema di produzione, distribuzione e acquisto che potrebbe andare a costituire in futuro un’ulteriore modalità di vendita per i produttori locali.

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136