Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nominata la Commissione provinciale per il territorio e il paesaggio in Alto Adige

martedì, 1 dicembre 2020

Quando:
1 dicembre 2020@16:55–17:55 Europe/Rome Fuso orario
2020-12-01T16:55:00+01:00
2020-12-01T17:55:00+01:00

La Giunta ha nominato i componenti della nuova Commissione provinciale per il territorio e paesaggio che d’ora in poi esaminerà tutti i piani paesaggistici e le modifiche.

La Giunta provinciale ha nominato oggi (1 dicembre) su proposta dell’assessora provinciale Maria Hochgruber Kuenzer i membri della nuova Commissione provinciale per il territorio e il paesaggio, che prende il posto della vecchia Commissione provinciale natura, paesaggio e sviluppo del territorio. In funzione con effetto immediato, la Commissione è composta in modo paritario da esperti uomini ed esperte donne. “Siamo riusciti a riempire la composizione della nuova Commissione in modo equilibrato, sia in termini di competenza che di composizione di genere” dice soddisfatta l’assessora provinciale Hochgruber Kuenzer: donne e uomini sono equamente rappresentati fra gli otto membri della commissione e i membri supplenti.

I componenti

La presidenza della Commissione provinciale per il territorio e il paesaggio viene assegnata alla Direttrice della Ripartizione provinciale Natura, paesaggio e sviluppo del territorio Virna Bussadori. Gli altri componenti sono Carlotta Polo, esperta in pianificazione territoriale, Peter Kasal, esperto di ecologia del paesaggio, Günther Unterthiner, rappresentante della Ripartizione provinciale Foreste, Werner Hintner, esperto in scienze agrarie, Marianne Erlacher, esperta designata dal Consiglio dei Comuni, Giorgio Gottardi, esperto in scienze naturali, Stefanie Calabrò, esperta in scienze sociali o economiche.

Anche nella nomina dei membri supplenti è stata rispettata la parità di genere: la vice presidente è Giulia Ligazzolo, collaboratrice dell’Ufficio Natura, Settore rilevamento, pianificazione, monitoraggio, Sylvia Ganthaler, esperta in pianificazione territoriale, Matthias Zingerle, esperto in ecologia del paesaggio, Konrad Pfattner, rappresentante della Ripartizione provinciale competente per le foreste, Claudio Francesco Sordini, esperto in scienze agrarie, Lucia Attinà, esperta designata dal Consiglio dei Comuni, Enrico Brutti, esperto in scienze naturali, Ruth Unterholzner, esperta in scienze sociali o economiche.

Il cambio

Il passaggio dalla vecchia Commissione provinciale natura, paesaggio e sviluppo del territorio alla nuova Commissione provinciale territorio e paesaggio era previsto dalla nuova legge provinciale Territorio e paesaggio in vigore dallo scorso 1 luglio. Si era deciso comunque che la preesistente commissione avrebbe dovuto restare in funzione per altri sei mesi, per poter analizzare le modifiche ai Piani urbanistici comunali e ai Piani paesaggistici presentate secondo la legge precedentemente in vigore.

Tuttavia, anche i compiti della nuova Commissione sono diversi: la Commissione provinciale per il territorio e il paesaggio valuta i programmi di sviluppo dei Comuni e tutte le modifiche che la Provincia o i Comuni chiedono di apportare ai Piani paesaggistici. Il pendant di questa Commissione provinciale sul piano comunale, cioè la Commissione comunale per il territorio e il paesaggio, esamina tutte le modifiche ai Piani comunali ed effettua le valutazioni finali delle modifiche nei centri edificati e nelle aree insediative. La precedente commissione era responsabile delle valutazioni delle modifiche sia dei piani urbanistici che in quelli paesaggistici.

I pareri della nuova Commissione provinciale sulle modifiche ai piani paesaggistici devono essere sempre passare al vaglio della Giunta provinciale per la decisione. “La conservazione e la tutela del nostro paesaggio rimane di competenza della Provincia” riassume l’assessora provinciale Hochgruber Kuenzer, responsabile delle aree protette, dei parchi naturali, ma anche della biodiversità. Questa suddivisione delle competenze tra aree insediative e aree naturali tra Comuni e Provincia è uno dei maggiori cambiamenti nella pianificazione territoriale dell’Alto Adige.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136