Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Finanza locale, 38 milioni per le spese correnti dei Comuni altoatesini

lunedì, 12 ottobre 2020

Quando:
23 ottobre 2020@14:10–15:10 Europe/Rome Fuso orario
2020-10-23T14:10:00+02:00
2020-10-23T15:10:00+02:00

Ai Comuni la quarta e ultima rata delle assegnazioni per le spese correnti dell’anno 2020 in base all’accordo sulla finanza locale. In totale si tratta di 38 dei 155,7 milioni di euro totali.

Ammonta a poco più di 38.000.000 di euro la somma che in questi giorni la Provincia di Bolzano verserà ai Comuni altoatesini. Si tratta dell’importo previsto dal quarto accordo aggiuntivo nell’ambito dell’accordo sulla finanza locale. Dopo che la direttrice della Ripartizione enti locali e sport Marion Markart ha firmato il decreto per le assegnazioni, la quarta e ultima rata può essere ora assegnata ai Comuni dal fondo ordinario 2020. La quarta rata sarà utilizzata anche per compensare ai Comuni eventuali versamenti effettuati in eccesso o in difetto dell’anno precedente o tre rate di quest’anno. Complessivamente la Provincia ha destinato 155.735.421 euro nell’anno fiscale 2020 al fondo ordinario per la finanza locale.

Finanziamenti a 114 comuni dell’Alto Adige

Saranno 114 su un totale di 116 i Comuni che beneficeranno di tali fondi, ad eccezione di Corvara in Badia e Selva di Val Gardena, per i quali la compensazione sarà effettuata attraverso detrazioni dalla quota sull’imposta regionale sulle attività produttive IRAP per l’anno 2020. A causa dei maggiori costi affrontati dal Comune di Bolzano per l’assistenza ai rifugiati e ai senzatetto è stato assegnato un importo aggiuntivo di due milioni di euro, di cui un quarto sarà ora assegnato con la quarta rata. Il Comune capoluogo riceverà quindi 9,5 milioni di euro su un totale dei 38 milioni di euro della quarta rata. Il secondo importo più elevato, pari a 2,9 milioni di euro, va al Comune di Merano, seguito da Bressanone (1,85 milioni di euro) e Laives (1,7 milioni di euro). A causa del fatto che non è stata raggiunta la quota minima dell’assistenza di prima infanzia sono state disposte detrazioni dai trasferimenti correnti di finanza locale per 4 Comuni altoatesini. Con le risorse del fondo ordinario per la finanza locale i Comuni coprono le proprie spese correnti, nell’allocazione di queste risorse finanziarie si tiene conto di diversi parametri, tra cui il numero di abitanti e la superficie. Si tiene conto anche del fabbisogno finanziario, della solidità finanziaria e dell’efficienza della singola amministrazione municipale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136