Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Contratto collettivo del personale docente: avviate le trattative in provincia di Bolzano

venerdì, 18 settembre 2020

Quando:
24 settembre 2020@17:55–18:55 Europe/Rome Fuso orario
2020-09-24T17:55:00+02:00
2020-09-24T18:55:00+02:00

 

La Giunta provinciale intende mettere a disposizione del personale docente delle scuole statali 10 milioni di euro già nel 2020. La somma sarà resa disponibile con l’approvazione della delibera della Giunta contenente le modifiche al bilancio da parte del Consiglio provinciale

L’utilizzo di questi fondi è stato al centro dell’odierna (18 settembre) riunione di avvio della delegazione pubblica guidata dal direttore della Ripartizione Amministrazione, istruzione e formazione Stephan Tschigg con i sindacati degli insegnanti per rinnovare il contratto collettivo provinciale per il personale docente delle scuole statali.

Il direttore della Formazione in lingua tedesca Gustav Tschenett e il direttore di Ripartizione Tschigg sottolineano che dopo la conclusione delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo intercompartimentale alla fine del 2019 e dopo i ritardi legati al lockdown, si cerca ora di portare avanti le trattative il più rapidamente possibile. L’adeguamento degli stipendi del personale docente agli aumenti previsti dal rinnovato contratto intercompartimentale ha richiesto risorse pari 67 milioni di euro, comprese le spese sociali, per i circa 10.000 docenti, ha riferito Albrecht Matzneller, direttore della Ripartizione Personale della Provincia.

Il direttore della Formazione Tschenett ha chiarito che i fondi messi a disposizione dal governo provinciale per il 2020 sono intesi come un pagamento una tantum e come un segno di riconoscimento per gli sforzi del personale docente nel periodo della didattica a distanza. Pertanto la Provincia ha in mente un bonus hardware da concedere in modo non burocratico, che non dovrebbe essere detratto dai 67 milioni di euro stimati.

I sindacati vogliono ora esaminare le proposte della delegazione pubblica. Successivamente, le trattative dovrebbero portare a una decisione sull’utilizzo dei 10 milioni di euro il più rapidamente possibile. La delegazione pubblica e i sindacati degli insegnanti vogliono incontrarsi alla fine della prossima settimana per il prossimo giro di trattative.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136