QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: cerimonia di consegna del premio “Impronta camuna 2014″. Le foto dell’evento

sabato, 13 settembre 2014

Ponte di Legno – Un riconoscimento a Ponte di Legno (Brescia) e al suo territorio. Nel pomeriggio è stato consegnato, in una cerimonia che si è tenuta in sala consiliare, il prestigioso premio “Impronta Camuna 2014″.Nonelli e il nipote di Paolo VI 1 (2)

Presenti all’evento, oltre a Roberto Bontempi, presidente dell’Associazione Impronta Camuna e al sindaco Aurelia Sandrini, le autorità civili e militari, in particolare il parroco don Giuseppe, il nipote di Papa Paolo IV, Marco Montini, il capitano della compagnia dei carabinieri di Breno, Salvatore Malvaso, i militari della stazione di Ponte di Legno, l’albergatore Andrea Bulferetti, esponenti delle società civile, dalignesi e turisti.

LA MOTIVAZIONE DEL PREMIO
Durante la cerimonia Roberto Bontempi, presidente dell’Associazione “Impronta Camuna” ha illustrato le finalità e la scelta del premio edizione 2014.Nonelli e il nipote di Paolo VI 1 (1)

“Il nostro scopo – ha ricordato Bontempi – è far conoscere e dare un riconoscimento all’attività di coloro che, con la loro opera nel campo delle lettere, delle arti, dell’industria, del lavoro, della scuola, dello sport, a carattere sociale, assistenziale, filantropico, religioso, associativo, militare, atti di coraggio, di valore e di abnegazione civica, di bontà, abbiano in qualsiasi modo giovato in modo significativo alla Valle Camonica, rendendone più alto il prestigio attraverso la personale virtù, servendone con disinteressata dedizione e abnegazione e con comportamenti ispirati ad altruismo e alla solidarietà”.

Visibilmente emozionata Aurelia Sandrini, sindaco di Ponte di Legno, quando è stata letta la motivazione del premio: “Grazie all’intraprendenza e all’ospitalità dei suoi abitanti, Ponte di Legno ha saputo nel corso degli anni valorizzare il proprio territorio. Oggi è una rinomata località alpina che offre ai turisti molteplici opportunità ricreative d’eccellenza.premio Impronta camuna (FILEminimizer) 

Con la loro operosità i Dalignesi hanno recato benefici alla Val Camonica. L’associazione, orgogliosa di così illustri conterranei, li addita come esempio alle nuove generazioni”. Accanto al premio l’albo d’oro per la firma che è stata posta dal sindaco Aurelia Sandrini.

LA CONSEGNA

Il premio è stato consegnato tramite le mani di una giovane dalignese, simbolo ed auspicio di continuità dell’intraprendenza e dell’attività della comunità anche nelle prossime generazioni.

Il presidente dell’associazione, Roberto Bontempi e il sindaco di Pontedilegno, nei loro discorsi hanno messo in evidenza il percorso compiuto in cento anni di storia del turismo, inaugurati con la settimana invernale del Touring Club Italiano nel 1912.pubblico Impronta camuna 1

In quella occasione il TCI ebbe a definire Ponte di Legno “Prima stazione italiana di sport invernali”. Al termine il saluto da parte dei cittadini, tra i presenti il pronipote di Papa Paolo VI, Marco Montini e consorte e rappresentanti di associazioni camune, oltre ad appartenenti della associazione giunti da fuori valle e da Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136