QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nuovo vestito per il Catalogo Bibliografico Trentino

venerdì, 27 settembre 2013

Trento – Il Catalogo Bibliografico Trentino (www.cbt.biblioteche.provincia.tn.it) ha da questa estate un vestito nuovo, che colpisce fin da subito l’attenzione degli utilizzatori e realizzato in modo tale da evidenziare l’intero patrimonio bibliografico delle biblioteche trentine, finora pressoché sconosciuto al pubblico.cataloghi

Il nuovo Catalogo – progettato, realizzato ed è erogato da Informatica Trentina con il supporto tecnico di @cult s.r.l. e quello grafico di HgBlu – ha integrato in una veste accattivante e di facile navigazione il frutto del lavoro di oltre trent’anni delle biblioteche che cooperano nell’ambito del Sistema bibliotecario trentino e del sostegno costante della Provincia. Vi sono infatti rappresentati gli oltre quattro milioni di risorse possedute dalle biblioteche: non solo libri, ma anche spartiti musicali, film in DVD e, da ultimo, gli e-book. Il motore di ricerca semplificato è stato sviluppato con tecnologie open source e il catalogo consente di prenotare on-line i libri ricercati, anche quelli in prestito attraverso un sistema di liste d’attesa che avvisa l’utente con una mail quando il testo è disponibile.

ll nuovo vestito attrae fin dalla prima pagina, perché mette in vetrina le copertine delle novità acquisite dalle biblioteche. Con una semplice ricerca, la presentazione dei libri – in particolare quelli recenti – avviene anche attraverso di esse: per chi ha memoria visiva, la copertina rappresenta un’informazione più diretta e immediata rispetto alla descrizione bibliografica. Ma vi sono anche altri aspetti che si notano immediatamente: ad esempio, quali altri libri o dvd legati all’argomento di ricerca sono disponibili nelle biblioteche trentine.

Se si lancia una ricerca con il termine Simenon, il famoso creatore del Commissario Maigret, quindi, il portale informa che nelle biblioteche trentine vi sono non solo oltre 600 edizioni firmate da Simenon, ma anche più di trenta film in DVD e VHS basati sui suoi racconti, circa 30 e-book e persino un audiolibro.  Può sembrare ozioso, ma è comunque interessante scoprire che cercando “Trento” il catalogo bibliografico trentino raccoglie migliaia di libri, periodici ed articoli, ma anche più di 5.000 spartiti musicali, 700 carte geografiche e 300 film dedicati al capoluogo.

Altre interessanti informazioni sono visibili a colpo d’occhio. Cercando Dan Brown, scopro che nel 2013 sono già state pubblicate 5 edizioni del suo ultimo lavoro, “Inferno”, e che di tutta la produzione dell’autore esistono traduzioni persino in arabo e in russo.
Queste sono solo alcune delle informazioni che si possono ricavare dalla colonna di destra del nuovo portale OseeGenius. La colonna di sinistra non è meno interessante, perché indica quali sono le Biblioteche che possiedono i libri, ordinate in base al numero di edizioni possedute.

E sopra questa informazione ve ne è un’altra ancora più interessante. Da novembre 2012 le biblioteche trentine hanno attivato il servizio Medialibrary per l’accesso a varie tipologie di documenti digitali, quotidiani online in versione edicola, e-book commerciali e classici, audio e video. Con OseeGenius non è più necessario entrare specificamente nel sito di Medialibrary (trentino.medialibrary.it), perché i risultati delle ricerche vengono aggregati e si vedono tutti da un unico punto di accesso, il nuovo Catalogo appunto.

Tutte queste “informazioni” (tipi di documentazione, date di pubblicazione, lingua di edizione, biblioteche proprietarie, etc.) servono evidentemente a filtrare i risultati della ricerca e a renderla efficacemente più mirata. Ma non è finita. Fin dalle origini del Catalogo Bibliografico Trentino, i bibliotecari trentini hanno classificato i contenuti delle risorse in base al metodo della Classificazione decimale Dewey, che organizza lo scibile per discipline in relazione gerarchica: per gli utenti, tale classificazione era fino a ieri un autentico rebus. Oggi, invece, il rebus si è sciolto e con un click su “Materie” si possono vedere rappresentate con un linguaggio “naturale”, cioè comprensibile a tutti, la gerarchia delle dieci discipline utilizzate per la categorizzazione e recuperare i documenti ad esse collegati.

Lo stesso accade per un servizio bibliografico curato da sempre dalla Biblioteca comunale di Trento e rimasto finora accessibile e utilizzabile sono dai bibliotecari: si tratta di una informazione relativa alla documentazione sul territorio trentino, il cui contenuto è stato classificato secondo una gerarchia territoriale. Ad esempio: scegliendo “Alta Valsugana” si trovano riuniti non solo tutti i libri che parlano in generale dell’Alta Valsugana, ma anche tutti i libri che trattano specificamente di un singolo aspetto, come ad esempio la chiesa di Sant’Ermete a Calceranica.

Vi sono mille altri dettagli di OseeGenius che rendono interessante, efficace, addirittura gradevole la ricerca nel Catalogo, tra cui: la possibilità – con la Ricerca avanzata – di vedere direttamente l’intero patrimonio bibliografico organizzato nelle varie categorie, la ricerca per Biblioteca o per Punto di lettura, la possibilità di vedere quante prenotazioni sono già state effettuate su un libro.

Il nuovo portale offre anche delle novità che riguardano direttamente gli utenti delle biblioteche: tutti quelli che sono iscritti in almeno una delle biblioteche del Sistema possono accedere a servizi specifici, come prenotare direttamente online le copie che interessano e vedere non solo i propri prestiti correnti (già era possibile con il vecchio software LibriVision), ma anche tutti i prestiti storici effettuati in tutte le biblioteche del Sistema.

E non è finita: finalmente con OseeGenius è stato possibile raggiungere due traguardi che da decenni vengono perseguiti dalla Provincia, che gestisce il Catalogo. Infatti, è stato oggi possibile inserire il Catalogo Bibliografico Trentino nei due gradi cataloghi nazionali di riferimento: da un lato SBN, curato direttamente dall’Istituto Centrale per il Catalogo Unico del Ministero dei Beni Culturali, cui partecipano tutte le maggiori biblioteche pubbliche, accademiche e specialistiche d’Italia; dall’altro MAI, MetaOpac Azalai, sostenuto dall’Associazione Italiana Biblioteche e curato dal Cineca di Bologna, parimenti rappresentativo dell’intera comunità bibliotecari italiana.

www.cbt.biblioteche.provincia.tn.it

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136