Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Malegno: il premio “Mites Terram Possident” 2020 al Comune di Marano Vicentino

martedì, 1 dicembre 2020

Malegno – Il premio “Mites Terram Possident” 2020 a Marano Vicentino: un Comune “libero dalla violenza verbale”, che scopre assieme ai cittadini che la parola, ormai troppo spesso usata per offendere e ferire, è uno strumento educativo potentissimo, che unisce le persone e crea comunità.

Premio Mites - Malegno 1E’ il Comune di Marano Vicentino il vincitore del 16° premio “Mites Terram Possident” a Malegno. Il premio, istituito dal Comune di Malegno (Brescia), dalla parrocchia S. Andrea apostolo di Malegno, sostenuto dal consorzio BIM, dalla Comunità Montana di Vallecamonica e da Valle Camonica Servizi, ha lo scopo di riprendere e riattualizzare il messaggio universalistico che i padri fondatori della comunità malegnese hanno voluto imprimere nei vecchi portali, nello stemma e nel motto del Comune, assegnato ogni anno a persone, associazioni, istituti, organizzazioni particolarmente distintesi per l’impegno in progetti e azioni di solidarietà e pace o in atti concreti di generosità e bontà umana, a livello mondiale, nazionale, locale; e nei quali si ravvisi quel carattere di mitezza così prezioso e difficile da individuare.

Quest’anno è stata dura per la commissione scegliere tra le candidature pervenute, di qualità elevata e di respiro nazionale. Esempi di mitezza da Emilia Romagna, Veneto, province di Lecco e Como, oltre ad alcuni candidati più legati alla Valle, hanno messo in difficoltà la commissione. Seppur inviata con il cuore dai bambini del paese, non è stato possibile accettare la candidatura di Don Giuseppe Stefini, parroco di Cividate e Malegno, essendo la Parrocchia tra gli enti promotori del premio. Nelle parole di don Giuseppe c’è stata la commozione per questo gesto di affetto nei suoi confronti da parte delle sue comunità.

Comune Marano Vicentino MalegnoIl premio è stato assegnato durante una serata svolta purtroppo in diretta video, presentata da Dario Pezzoni, alla presenza dell’assessore della Comunità Montana Attilio Cristini, del consigliere provinciale Giampiero Bressanelli, del Parroco don Giuseppe Stefini .

La scelta della commissione è caduta sul Comune di Marano Vicentino con la seguente Motivazione: “In un momento storico in cui le parole vengono usate per offendere e ferire, premiamo un Comune che ha ri-scoperto assieme ai suoi cittadini la potenza creatrice della “parola”, come strumento che unisce le persone e crea comunità”.

E’ stato Marco Guzzonato, giovane sindaco del Comune vicentino, a raccontare le esperienze del patto educativo territoriale che ha unito la comunità nei servizi per i bambini, e l’innovativa idea del “Comune libero dalla violenza verbale”.
Il progetto nasce dall’esperienza triestina di Parole ostili, progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, cui anche Malegno aderisce, che partendo dalla rete sta diffondendo il virus positivo delle parole di qualità.

Malegno Mites 1A dare qualità e livello alla serata ci ha pensato Nunzia Vallini, direttore del Giornale di Brescia, che qualche giorno fa ha fatto scalpore mediatico per la scelta coraggiosissima del Giornale di Brescia di togliersi da Facebook, social spesso vittima di logiche divisive e offensive.

Significativo anche il momento di attualizzazione del premio Mites TErram Possident da parte degli adolescenti di Malegno, attraverso un breve ma efficace video messaggio. L’ha ripreso il sindaco Paolo Erba, nel suo intervento, sottolineando come “siamo in debito con gli adolescenti per averli rinchiusi nella didattica a distanza anche in questi mesi. Ha rilanciato l’idea del Piano Marshall sull’adolescenza proposto, per ora senza risposta, alla Regione, sul quale Malegno sta continuando a lavorare.

Il sindaco ha voluto sottolineare come quest’anno il Premio Mites premia chi riesce a utilizzare le parole come strumento per creare relazioni e non per distruggere.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136