Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Vipiteno, arrestato un corriere con quattro clandestini

sabato, 23 maggio 2020

Vipiteno – Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dall’Austria, i carabinieri arrestano un “corriere” con quattro clandestini a bordo. I militari della Stazione Carabinieri di Vipiteno hanno infatti arrestato un italiano di origine magrebina.

carabinieri largeI militari dell’Arma stavano svolgendo un servizio di posto di controllo nei pressi del valico del Brennero con direzione di marcia in ingresso Italia. A un certo punto hanno notato sopraggiungere un’auto con targa austriaca piena di passeggeri e hanno deciso di fermarla. È vero che è opinione comune che il flusso di clandestini vada da sud verso nord, ma non si sa mai e un controllo in più non guasta mai.

E la pensata è stata giusta. Il conducente, un autotrasportatore tunisino naturalizzato italiano residente a Reggio Calabria, già noto alle forze dell’ordine, non ha saputo fornire giustificazione al fatto che i quattro passeggeri fossero tutti senza documenti d’identità né permessi di soggiorno.

Accompagnati tutti e cinque in caserma, sono stati sottoposti a rilievi foto-dattiloscopici. Il reggino è stato arrestato per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e associato al carcere di Bolzano. I quattro trasportati, tutti cittadini marocchini, sono stati denunciati a piede libero per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. I carabinieri poi hanno cercato di riconsegnarli alle autorità austriache poiché da lì provenivano, ottenendo però un netto rifiuto in quanto l’ingresso in area Schengen era avvenuto in altro Paese e l’onere di trasportarli al Paese di primo ingresso deve incombere in chi li rintraccia. I quattro sono quindi stati mandati alla Questura di Bolzano, competente in materia d’immigrazione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136