Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, scontro Kaswalder-Pruner: per il giudice del lavoro è un “licenziamento illegittimo”

giovedì, 4 giugno 2020

Trento – La vicenda del licenziamento di Walter Pruner costringe a una seria riflessione sulla politica e sulla partecipazione alla stessa in Trentino.

Tribunale aula - GdvIl giudice del lavoro del tribunale di Trento Giorgio Flaim ha accolto l’istanza dell’ex segretario particolare del presidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento, Walter Pruner, che era stato licenziato dal presidente Walter Kaswalder, con una lettera il 2 maggio 2019 perché “è  venuto meno il rapporto di fiducia”. Pruner, con cui Kaswalder aveva collaborato a lungo quando era consigliere provinciale del Patt, era stato assunto come segretario particolare il 7 dicembre 2018, quindi licenziato. Ora il giudice del lavoro ha dato ragione a Walter Pruner.

La posizione del PATT: “Al di là dei risvolti legali, nei quali non vogliamo entrare, è il dato politico ad emergere in tutta la sua preoccupante gravità. Il giudice del lavoro, infatti, nel condannare il Consiglio provinciale, nella figura del Presidente Kaswalder, ha chiaramente evidenziato come l’illegittimità stia nella motivazione del licenziamento, attribuibile alla partecipazione di Walter Pruner al congresso del PATT. Sorvolando sul fatto che il congresso fosse quello del nostro Partito, non può passare il messaggio che la semplice partecipazione di una persona, tra l’altro in qualità di osservatore, ad un incontro di Partito diventi motivo di ritorsione. In un’epoca in cui sempre più la politica viene percepita come distante, tanto che uno dei principali partiti è stato per un periodo un movimento contro il sistema e contro la politica stessa, messaggi ed azioni come il licenziamento di Walter Pruner vanno ad aggravare il quadro.

La democrazia può permettere ancora ai cittadini d’informarsi, ascoltare e partecipare o ci stiamo pericolosamente avvicinando a sistemi di tipo autoritario?

È vero che ultimamente la politica, purtroppo anche quella provinciale, ci ha insegnato che non esiste limite al peggio, tuttavia auspichiamo, da parte dei trentini, una sempre maggiore attenzione ad episodi di questo tipo.

Tanto per citare un altro esempio, un assessore comunale evidenzia le difficoltà nel riuscire a rispettare le tempistiche calate dall’alto dalla Provincia per la riapertura delle scuole dell’infanzia, risulta quantomeno ridicola la reazione stizzita della capogruppo del primo partito del Trentino che corre ad incensare l’operato provinciale scaricando le colpe sui comuni che, in questa emergenza sanitaria, hanno già dovuto fare molto di più di quanto sarebbe di loro competenza.

La politica è partecipazione, incontro e anche scontro, ma non dovrebbe essere tifoseria. Chi ha la responsabilità di amministrare dovrebbe farlo nel bene di tutti, accettando anche chi la pensa diversamente, anzi cercando di rispondere proprio a questi ultimi. Se, invece, chi la pensa diversamente è un elemento da mettere in disparte, se chi si interessa di cosa pubblica deve farlo solo seguendo le idee di chi comanda pena licenziamento, ritorsione, esclusione, allora significa che tempi bui attendono l’Autonomia del Trentino.

Con buona pace di chi, un tempo, lanciava strali contro la cosiddetta “magnadora” invitando i sindaci a opporsi al potere provinciale e ora, passato dall’altra parte della barricata, da opposizione a governo, segue proprio quei principi”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136