Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, sanzione per bici elettrica modificata

mercoledì, 6 maggio 2020

Trento - Nella giornata di ieri sono proseguite le attività di controllo della Polizia Locale di Trento – Monte Bondone sul rispetto delle disposizioni contenute nel DPCM 11 marzo 2020 e successive modifiche, finalizzate al contenimento della diffusione dell’epidemia da coronavirus. Sono state effettuate verifiche anche su 35 esercizi pubblici e attività commerciali, non è stata elevata nessuna infrazione e rilevata nessuna irregolarità.

Col supporto dei volontari del gruppo ANA sono stati controllati i parchi cittadini, in particolare è stato verificato che i frequentatori non utilizzassero le aree giochi, rese inaccessibili dal personale del Servizio Parchi e Giardini, come previsto dall’ordinanza provinciale del 2 maggio scorso.

In mattinata, durante un posto di controllo Covid gli agenti hanno notato che una bicicletta in via Maccani circolava ad una velocità talmente elevata da far insorgere il dubbio che il veicolo potesse avere delle alterazioni. Gli agenti decidevano quindi di seguire il veicolo potendo notare che con una leggerissima pedalata il veicolo manteneva una velocità che il contachilometri del mezzo di servizio approssimava a circa 45 km/h. Gli agenti hanno fermato pertanto il conducente a bordo della bicicletta e nell’immediatezza il personale ha manifestato le perplessità al conducente che non appariva in alcun modo sorpreso e lasciava intendere che gli agenti non fossero in errore, ma non appena palesata la fattispecie sanzionatoria a cui stava andando incontro lo stesso ha cessato ogni comunicazione. Non essendo possibile avere chiarimenti in merito al tipo di modifica apportata al velocipede gli agenti operanti procedevano ad un sequestro preventivo in base all’articolo 13 L. 689/81, in modo da congelare la condizione e poter poi porre in essere gli accertamenti necessari all’azione sanzionatoria.

In attesa di essere supportati da un professionista per capire il tipo di modifiche apportate, gli agenti hanno potuto verificare che l’e-bike aveva la scocca di copertura del motore elettrico prevista su quel modello difforme dall’originale pubblicizzato sul sito del costruttore. Sono state fatte quindi alcune prove con dispositivo Telelaser, conformemente omologato, in area delimitata e chiusa al traffico a velocità crescente fino ad arrivare addirittura alla velocità di 41 km/h orari rilevata strumentalmente (44 km/h sul display della bici elettrica) senza che il motore elettrico cessasse mai di supportare la pedalata.

Ai sensi dell’articolo 50 del Codice della Strada, le biciclette a pedalata assistita sono dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta e interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 Km/h o prima se il ciclista smette di pedalare.

Vista la velocità rilevata, la bicicletta veniva pertanto paragonata ad un ciclomotore. In attesa di ulteriori verifiche, al conducente venivano elevate le violazioni al Codice della strada relative alla mancanza del certificato di circolazione, della targa, della copertura assicurativa e del mancato uso del casco protettivo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136