Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento: operazione Freeland, il Riesame libera i fratelli Perre

giovedì, 16 luglio 2020

Trento – I fratelli Francesco e Giuseppe Perre, coinvolti nell’operazione “Freeland”, coordinata dalla Dda di Trento, che aveva portato in carcere altre 18 persone, saranno presto liberi. La decisione è del Riesame di Trento che ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Trento nei confronti di Francesco e Giuseppe Perre, padre e figlio, di Platì. I due sono stati coinvolti nell’operazione “Freeland” che aveva svelato l’esistenza di una ‘ndrina, con presunti collegamenti alle cosche calabresi di Platì, Natile e Delianuova, e al clan Italiano-Papalia.

I reati contestati vanno dall’associazione mafiosa, all’estorsione, al sequestro di persona, all’illecita vendita di sostanze stupefacenti, alla detenzione illegale di armi, alla bancarotta fraudolenta, alla contraffazione di documenti ed al favoreggiamento.

Il tribunale del Riesame di Trento ha accolto la tesi dei difensori dei due fratelli, gli avvocati Federica Potronieri e Pier Paolo Emanuele, e annullato l’ordinanza del Gip con la liberazione dei due.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136