Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Tragedia sulla via ferrata Che Guevara, alpinista muore sul monte Casale

sabato, 7 novembre 2020

Dro – Tragedia sulla via ferrata Che Guevara, alpinista muore sul monte Casale nella Valle del Sarca. È stato recuperato e trasferito alla camera mortuaria di Dro il corpo senza vita di Federica Marcolla, 32 anni, originaria di Zambana (Trento) viveva a Trento, nel quartiere della Bolghera e medico, prestava servizio negli ambulatori di via Julg a Cognola, lascia un bimbo di 5 anni e una bimba di 2 anni.

La dottoressa Marcolla è precipitata per circa 200 metri mentre stava percorrendo la via ferrata Che Guevara (monte Casale, Valle del Sarca) insieme al compagno. Da una prima ricostruzione sembra che la ragazza sia scivolata precipitando nel vuoto mentre, probabilmente tra un passaggio e l’altro, non era assicurata al cordino. A dare l’allarme al Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 11.30 è stato il compagno ed alcune persone che si trovavano sul posto e che hanno assistito all’incidente.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che, una volta individuato il luogo dell’incidente, ha verricellato sul posto il Tecnico di Elisoccorso e l’equipe sanitaria. Il medico, purtroppo, non ha potuto fare altro che constatare il decesso della ragazza. Dopo il nullaosta delle autorità, la salma è stata ricomposta e verricellata a bordo dell’elicottero, con il supporto di due operatori della Stazione Riva del Garda del Soccorso Alpino e Speleologico.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136