Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tentata estorsione con metodo mafioso, tre arresti dei carabinieri nel Bresciano

mercoledì, 13 maggio 2020

Brescia – Esecuzione di ordinanza di custodia cautelare da parte dei carabinieri. Oggi i militari del Nucleo Investigativo di Brescia e della Compagnia di Chiari hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP di Brescia, nei confronti di tre persone (un commercialista e due disoccupati), tutte gravate da precedenti penali e di polizia, ritenute responsabili in concorso tra loro, del reato di tentata estorsione aggravata perché commessa con l’aggravante del metodo mafioso.

Controlli carabinieri - BresciaPer uno dei destinatari della misura, già in semilibertà con affidamento in prova al servizio sociale, è stata disposta la detenzione in carcere mentre gli altri due, tra i quali il commercialista, saranno sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

Il provvedimento è stato richiesto dalla Procura della Repubblica – DDA presso il Tribunale di Brescia – nell’ambito di un’indagine, condotta dal dipendente Nucleo Investigativo.

All’esito delle investigazioni, i militari del NIL e Compagna di Chiari hanno raccolto univoci e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti degli indagati in relazione ad una tentata estorsione, commessa nel periodo compreso fra ottobre 2019 e febbraio 2020, nei confronti di due coniugi, titolari di una ditta in provincia di Bergamo cui avevano chiesto di consegnare la somma di 100mila euro quale preteso corrispettivo per la perdita del posto di lavoro da parte della compagna di uno dei tre, impiegata in precedenze nell’impresa e nel frattempo licenziata.

La richiesta di denaro veniva formulata attraverso esplicite minacce consistite in eloquenti e ripetute evocazioni della caratura criminale di uno dei tre, di origine calabrese, e con continui richiami ad asseriti collegamenti tra lo stesso e alcune famiglie malavitose calabresi stanziate in nord Italia. Nessuna somma di denaro veniva consegnata ai malviventi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136