Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Spaccio di droga dal Bresciano, quattro arresti dei carabinieri nel Tiranese

giovedì, 24 settembre 2020

Tirano – Nei giorni scorsi i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Tirano hanno dato esecuzione a quattro misure di custodia cautelare, di cui tre in carcere e uno agli arresti domiciliari, per altrettante persone complici a vario titolo di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nel concentrico tiranese. carabinieri largeIl sodalizio di spacciatori, che riforniva i propri “clienti” di cocaina e marijuana, era composto dal promotore/ideatore identificato in A.K. marocchino classe 1991, dalla propria moglie T.M. italiana classe 1995 quale ausiliatrice e materiale spacciatrice al dettaglio, dal collaboratore/autista K.T., britannico classe 1980, e dal corriere F.I., italiano classe 1979 residente nel bresciano.

L’indagine condotta dai Carabinieri ha potuto dimostrare e documentare il traffico illecito di cocaina e marijuana, anche nel periodo di lockdown, che dal bresciano arrivavano in Valtellina dove venivano vendute al dettaglio ai consumatori. Centro dello spaccio era l’abitazione dei coniugi dove, previo contatto telefonico o via social network, gli acquirenti si recavano per comprare la droga, mentre il rifornimento avveniva nel bresciano dove A.K. si recava personalmente con l’ausilio di K.T oppure si avvaleva della collaborazione, quale corriere, di F.I. il quale, dopo aver effettuato il “carico”, lo trasportava in valle. Particolarmente interessante era il modus operandi del trasportatore che, utilizzando la propria attività di imbianchino come alibi, poteva muoversi liberamente nascondendo tra l’altro le sostanze all’interno dei bidoni di malta.

Durante le indagini sono stati sequestrati circa 80 grammi di cocaina, 700 grammi di marijuana e oltre 10mila euro in contanti più 320 franchi svizzeri, provento dell’attività di spaccio. Numerosi sono i “clienti”, parte dei quali anche minorenni, che in questi giorni sono chiamati in caserma a Tirano per rispondere alle domande degli inquirenti.

Altri quattro arresti quindi per i militari della Compagnia Carabinieri di Tirano, costantemente impegnati nel controllo del territorio e nella prevenzione e repressione dei reati, attenti alla problematica sociale dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, soprattutto ad opera di giovanissimi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136