Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Settimana intensa di attività per la Polizia Stradale nel Bresciano: i dati

mercoledì, 30 settembre 2020

Brescia – L’attività di vigilanza stradale è svolta sulle arterie di competenza per la tutela della circolazione stradale ed il controllo del territorio al fine di garantire la sicurezza pubblica.

camionNel corso della scorsa settimana la Polizia Stradale di Brescia che opera sulle strade della provincia ha effettuato numerosi controlli coinvolgendo 136 pattuglie di vigilanza stradale, di cui 75 in autostrada e 61 sulla viabilità ordinaria che hanno controllato 874 veicoli e 1038 persone.

1082 sono state le infrazioni complessivamente elevate con 1503 punti decurtati; le patenti ritirate sono state 12, le carte di circolazione sette, sono stati effettuati quattro sequestri di veicoli e due fermi amministrativi.

Nel periodo in questione sono state contestate 86 violazioni per eccesso di velocità e 17 violazioni per velocità pericolosa, inoltre sono state contestate 51 violazioni per l’uso del telefonino alla guida e 60 violazioni per il mancato uso delle cinture di sicurezza.

L’attività infortunistica complessiva consta in 25 incidenti, uno dei quali con esito mortale: fuori uscita accidentale sulla Sp. 668 nel comune di Montichiari e 12 incidenti con feriti.

Fortunatamente senza gravi conseguenze per le persone, l’incidente di lunedì 21, nel pomeriggio, in tangenziale sud dove la Polizia Stradale di Brescia è dovuta intervenire a causa di una perdita di carico da parte di un mezzo pesante diretto verso il Sebino. Traffico in Tilt e barre industriali sulla carreggiata è lo scenario che si è presentato agli operatori intervenuti.

Proprio al fine di evitare che si possano determinare anche situazioni gravi, assume importanza un buon fissaggio che può scongiurare che il carico, qualunque esso sia, subisca anche cambiamenti di posizione durante tutte le fasi del transito. E’ sempre responsabile con il conducente, il caricatore  nonché il proprietario della merce, il vettore e il committente qualora le modalità di esecuzione del trasporto risultino incompatibili con il rispetto sulla sicurezza.

Quindi al conducente del mezzo e alle altre figure sono state contestate le violazioni degli art. 164, 175 e 15 del Codice della Strada con il pagamento di una somma totale di 606 euro, decurtazione di tre punti dalla patente di guida che viene ritirata unitamente alla carta di circolazione, fino al ripristino della corretta sistemazione del carico, nonché l’intimazione al ripristino del manto stradale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136