Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


San Felice sul Benaco, scoperta piantagione e più di 17 chili di marijuana: cinque nei guai

giovedì, 5 novembre 2020

San Felice sul Benaco – Scoperta maxi piantagione di marijuana dai carabinieri di Salò (Brescia): 17 chilogrammi e 600 grammi di marijuana in fase di preparazione, venti piante in coltivazione, questo è quanto sequestrato dai carabinieri della Stazione di Salò a San Felice sul Benaco (Brescia).

carabinieri - SalòLa scorsa estate i carabinieri impegnati nel pattugliamento del territorio, avvertivano un forte odore provenire da un appezzamento agricolo a San Felice. I primi accertamenti portavano ad una coltivazione legale di marijuana ad opera di un’azienda del territorio.

Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di individuare accanto a quella legale, i cui proprietari sono estranei alla vicenda, una coltivazione illegale curata da un 38enne di Salò insieme ad altre quattro persone (il padre 64enne ed il fratello 24enne residenti a Roma, una 28enne di San Felice sul Benaco ed un 34enne di Salò).

Le attività di osservazione svolte portavano a suddividere i campi legali da quelli illegali e, per maggiore sicurezza, veniva eseguita una campionatura delle piante presenti, oltre 500, che fornivano riscontro alle ipotesi investigative: si trattava di marijuana con alta percentuale di thc, anche 20 volte superiore a quella consentita dalla legge dello 0,6%.

Ottenuto tale riscontro, i carabinieri di Salò hanno provveduto a sequestrare le piante illegali che erano state intanto tagliate in buona parte e messe ad essiccare in una casupola presente nell’appezzamento, accessoriata di gruppo elettrogeno, deumidificatore e ventilatore. Veniva eseguita una perquisizione anche presso l’abitazione dell’affittuario del campo che permetteva di rinvenire ulteriori 80 grammi circa di marijuana. I risultati dell’attività sono stati rimessi alla Procura della Repubblica di Brescia che ha coordinato le indagini.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136