Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ruba al cambiomonete, 29enne arrestato dai carabinieri di Darfo Boario

lunedì, 23 settembre 2019

Darfo Boario Terme – Ruba i soldi dal cambiamonete della slot arrestato dai carabininieri della stazione di Darfo Boario (Brescia).  Nella tarda serata di ieri i militari di Darfo Boario Terme hanno tratto in arresto un 29enne, operaio, romeno, domiciliato nella cittadina camuna, per furto aggravato.

carabinieri darfoIl giovane dopo aver giocato tutta la sera e vinto circa cento euro, ha inserito le monete da uno e due euro in un cambiamonete per ottenere il controvalore in banconote. Purtroppo l’operazione non è andata a buon fine e la macchina si è bloccata.

Arrabbiato e infastidito dalla mancata erogazione dei soldi, il 29enne si è diretto dalla cassiera del bar chiedendo spiegazioni.

La barista ha immediatamente contattato il responsabile della ditta di distribuzione delle slot machines, il quale ha riferito che sarebbe passato l’indomani mattina per una verifica. Appreso che sarebbe dovuto ritornare a casa senza i soldi, il romeno è andato su tutte le furie. Ha iniziato a urlare e si è scagliato contro il cambiamonete.

La dipendente del bar, preoccupata di quello che stava succedendo, è corsa ad avvertire il proprietario dell’esercizio commerciale ed ha chiamato i Carabinieri al 112. Nel frattempo l’esagitato, inconsapevole che le telecamere stavano registrando ciò che stava succedendo nella sala gioco, ha danneggiato il macchinario e si è impossessato di tutti i soldi che erano all’interno, circa trecento euro e si è dato a repentina fuga a piedi.

Sul posto sono arrivati i militari della stazione di Darfo Boario e il proprietario del bar che hanno bloccato il soggetto che era appena uscito dal locale, inseguito dalla dipendente. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso dell’intera somma di denaro asportata. L’operaio, che ha provato a giustificare il suo comportamento addebitando all’euforia del gioco le responsabilità dell’insano gesto, è stato tratto in arresto e il Gip, nella mattinata odierna, ha convalidato la misura eseguita dai militari e attenderà a piede libero il processo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136