Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pedopornografia: indagine dopo segnalazione del NCMEC, arrestato dalla Polizia Postale

sabato, 27 giugno 2020

Brescia – Al termine di un’articolata attività investigativa avviata su impulso del Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online e condotta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano, la Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Brescia, eseguiva una perquisizione locale, domiciliare, personale ed informatica a carico di un cittadino del Marocco, resosi responsabile del reato di detenzione di materiale pedopornografico.

L’attività d’indagine, coordinata dal Sost. Procuratore Benzi della Procura della Repubblica di Brescia, scaturisce da una segnalazione dell’agenzia statunitense NCMEC (Centro nazionale americano per bambini scomparsi e sfruttati), relativa alla presenza in rete di un utente che deteneva e diffondeva immagini e video ritraenti minori in atti sessuali espliciti.

La perquisizione e la successiva analisi forense effettuata nel laboratorio informatico della specialità della Polizia di Stato consentivano di rinvenire ingente materiale pedopornografico (circa 800 tra immagini e video). L’uomo, pertanto, è stato arrestato e associato al carcere cittadino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136