Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Operazione Perfido e ‘Ndrangheta in Trentino, altri sequestri della Guardia di Finanza

mercoledì, 11 novembre 2020

Val di Cembra – Operazione Perfido, proseguono le indagini patrimoniali delle Fiamme Gialle trentine nei confronti del sodalizio ‘Ndranghetista radicato in Val di Cembra. finanza lavoroEseguito un nuovo provvedimento di sequestro su tutti i beni detenuti, direttamente o indirettamente, in misura sproporzionata rispetto ai redditi dichiarati. 8 milioni di euro il valore complessivo di società, immobili, terreni, automezzi e conti correnti fino ad oggi sottratti agli indagati.

VIDEO

INDAGINI E SEQUESTRI
In concomitanza dei numerosi arresti e fermi effettuati il 15 ottobre scorso dal R.O.S. dei Carabinieri nei confronti degli esponenti dellaLocale” di ‘ndrangheta operativa in Trentino, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trento avevano provveduto ad eseguire un primo provvedimento di sequestro finalizzato a “congelare” i beni riconducibili agli indagati per un valore complessivo di oltre 6,1 milioni di euro.

Le indagini patrimoniali delle Fiamme Gialle, su delega della Procura Distrettuale di Trento, sono proseguite con la finalità di far emergere anche la sproporzione tra il valore dei beni direttamente o indirettamente nella disponibilità degli indagati rispetto ai redditi dagli stessi dichiarati o all’attività economica esercitata.

La complessa ricostruzione delle reali consistenze patrimoniali riconducibili ai membri del sodalizio di tipo mafioso, ai loro familiari e ai vari prestanome, per un totale di 148 tra persone fisiche e giuridiche oggetto di screening investigativo, sono state condotte dai finanzieri trentini incrociando i dati:

- emergenti dalle indagini di polizia giudiziaria eseguite dai carabinieri della locale Sezione Anticrimine;

- raccolti, per il periodo dal 2010 all’anno corrente, dalle performanti banche dati specialistiche in uso al Corpo, quali Serpico (informazioni reddituali), Argo (informazioni societarie), Siva2 (informazioni sulle operazioni finanziarie sospette), CeTe (informazioni sulla disponibilità di beni di lusso), SDI (informazioni di polizia) e Siro3 (informazioni sulla c.o.)

- attraverso l’applicativo Molecola, data base investigativo sviluppato dalla Guardia di Finanza su input della D.N.A.A. (Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo), che consente di processare tutte le informazioni raccolte al fine di far emergere le incoerenze patrimoniali riferibili agli indagati.

All’esito delle indagini specialistiche condotte dalle Fiamme Gialle, accogliendo la richiesta avanzata dalla locale Procura Distrettuale, il Tribunale di Trento ha quindi disposto l’esecuzione di uno specifico sequestro preventivo di tutti i beni nella disponibilità degli indagati, detenuti direttamente o indirettamente in valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati o alle attività economiche svolte.

Lunedì, i militari del G.I.C.O. del Nucleo P.E.F. di Trento, con la collaborazione di militari in forza allo S.C.I.C.O. di Roma, hanno operato il sequestro preventivo finalizzato alla confisca “per sproporzione” ex art. 240-bis c.p. dei beni nella effettiva disponibilità degli indagati, per un controvalore complessivo di quasi 6 milioni di euro. In particolare, il nuovo provvedimento di sequestro ha consentito di:

- risequestrare per “sproporzione” alcuni dei beni già “congelati” dal precedente provvedimento, per un valore stimato pari a 3.814.667,62 di euro;

- sottoporre a sequestro “per sproporzione” ulteriori beni, per un valore stimato pari a 1.929.420 euro.

In dettaglio, si tratta dei seguenti “nuovi” beni:

- una ditta individuale con sede in provincia di Trento, dedita all’attività di lavori specializzati di costruzione del valore complessivo di 389.743 euro;

- due società con sedi a Roma, dedite ad attività facchinaggio e movimentazione merci del valore complessivo di 894.177 euro;

- cinque immobili e un terreno in provincia di Trento del valore complessivo di 625.000,00 euro;

- un’autovettura del valore di 10.500,00 euro;

- quattro conti correnti dei quali non si conosce la consistenza;

nonché dei seguenti beni già “congelati” dal precedente provvedimento di sequestro:

- 11 società del valore complessivo di 2.711.432,00 euro delle quali;

- quattro con sede in provincia di Trento, dedite alla lavorazione del porfido, al noleggio di macchine e attrezzature edili, nonché al trasporto di merci;

- tre con sede in provincia di Verona, dedite alla lavorazione del porfido, al deposito merci e all’allevamento;

- una con sede a Padova, operante nel settore del trasporto merci;

- unacon sede a Roma, dedite ad attività nel settore del trasporto merci;

- due (solo quote) con sede a Roma dedite ad attività nel settore immobiliare ed al trasporto merci;

- sette immobili in provincia di Roma per un valore complessivo di 520.000 euro

- dieci autovetture e 6 autocarri per un valore complessivo di 304.300 euro

- dieci conti correnti per un saldo complessivo di 278.935,93 euro.

Ad oggi, grazie al combinato effetto dei due provvedimenti di sequestro eseguiti tra ottobre e novembre dai finanzieri trentini, complessivamente sono stati sottratti alla disponibilità degli indagati beni per un valore di circa 8 milioni di euro.

Le indagini patrimoniali delle Fiamme Gialle confermano, ancora una volta, l’importanza dell’aggressione sistematica dei patrimoni illeciti della criminalità organizzata, fondamentale strumento di contrasto alle consorterie di tipo mafioso e riconosciuto baluardo della strategia diretta ad arginare le diverse forme della “criminalità da profitto”, che costituisce, oggi più che mai, un prioritario obiettivo dell’Autorità Giudiziaria e, in particolare, della Guardia di Finanza quale Corpo specializzato di polizia economico-finanziaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136