Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


‘Ndrangheta in Trentino: i dati delle indagini della Guardia di Finanza nell’operazione Perfido

venerdì, 16 ottobre 2020

Trento – Operazione Perfido, contestualmente agli arresti di ieri, le indagini patrimoniali delle Fiamme Gialle trentine nei confronti di 148 tra persone fisiche e giuridiche riconducibili alla ‘Ndrangheta operativa in Trentino con ramificazioni economiche anche nelle province di Padova, Verona, Roma e Reggio Calabria. Oltre 80 finanzieri hanno sequestrato società, immobili, automezzi, macchine da cantiere, attrezzature e conti correnti per un valore stimato di oltre 5 milioni di euro.

VIDEO

LE INDAGINI
finanza lavoroGli investigatori del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza trentina hanno concluso le indagini specialistiche volte ad aggredire il patrimonio illecitamente accumulato dai membri di un sodalizio mafioso presente in Val di Cembra.

Le investigazioni dei finanzieri, avviate nel 2018 su delega della Procura Distrettuale di Trento, si sono focalizzate sulla ricostruzione delle ramificazioni economiche della ‘ndrangheta insediatasi in provincia di Trento che, nel tempo, è riuscita ad infiltrarsi nell’economia legale, assumendo in primis il controllo di alcune aziende operanti nel Distretto del porfido e delle pietre trentine, per poi estendere i propri interessi anche in altri settori, strategici per la c.o., quali il trasporto merci, il noleggio di macchine e attrezzature edili, fino ad arrivare all’allevamento di bestiame.

La complessa ricostruzione delle reali consistenze patrimoniali riconducibili ai membri del sodalizio di tipo mafioso, ai loro familiari e ai vari prestanome, per un totale di 148 tra persone fisiche e giuridiche oggetto di screening investigativo, sono state condotte dai finanzieri trentini incrociando i dati:

- emergenti dalle indagini di polizia giudiziaria eseguite dai carabinieri della locale Sezione Anticrimine;

- raccolti, per il periodo dal 2010 all’anno corrente, dalle performanti banche dati specialistiche in uso al Corpo, quali Serpico (informazioni reddituali), Argo (informazioni societarie), Siva2 (informazioni sulle operazioni finanziarie sospette), CeTe (informazioni sulla disponibilità di beni di lusso), SDI (informazioni di polizia) e Siro3 (informazioni sulla c.o.),

- attraverso l’applicativo MOLECOLA, data base investigativo sviluppato dalla Guardia di Finanza su input della D.N.A.A. (Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo), che consente di processare tutte le informazioni raccolte al fine di far emergere le incoerenze patrimoniali riferibili agli indagati.

All’esito degli accertamenti specialistici delle Fiamme Gialle, la Procura Distrettuale di Trento ha emesso  provvedimenti di sequestro finalizzati a “congelare” tutti i beni, conti correnti, aziende ed immobili per i quali è prevista la confisca diretta (beni che rappresentano il prodotto o il profitto del reato) o la confisca per sproporzione (beni di cui non si può giustificare la provenienza, dei quali si ha la disponibilità a qualsiasi titolo in valore sproporzionato al proprio reddito o alla propria attività economica).

Oltre 40 finanzieri appartenenti al GICO del Nucleo P.E.F. di Trento, con la collaborazione di altri 40 militari in forza allo SCICO di Roma, al GICO del Nucleo P.E.F. di Reggio Calabria e ai Nuclei P.E.F. di Padova e Verona, hanno operato il sequestro dei beni nella effettiva disponibilità degli arrestati, per un controvalore stimato in oltre 5 milioni di euro.

In particolare, si tratta di:

- 6 società con sedi in provincia di Trento, dedite alla lavorazione del porfido, al noleggio di macchine e attrezzature edili, nonché al trasporto di merci;

- 3 società con sedi in provincia di Verona, dedite alla lavorazione del porfido, al deposito merci e all’allevamento;

- 1 società con sede a Padova, operante nel settore del trasporto merci;

- 4 società con sedi a Roma, dedite ad attività nel settore immobiliare, ai lavori stradali e al trasporto merci;

- 1 società con sede in provincia di Reggio Calabria, dedita al commercio di prodotti sul web;

- 7 immobili siti in Roma;

- 18 automezzi, fra i quali due Range Rover Velar, un Range Rover Discovery, una Mercedes Classe C Coupè, un Nissan Navara, una BMW Z4, nonché altre utilitarie e furgoni;

- 6 macchine da cantiere (pale meccaniche, ruspe, escavatori e muletti) ed altre attrezzature;

- 18 conti correnti.

Contestualmente i militari della Sezione Anticrimine di Trento del ROS dell’Arma dei Carabinieri, hanno eseguito 19 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti responsabili, nonché cinque fermi di indiziato di delitto, unitamente alla Polizia di Stato, di altrettanti indagati per associazione mafiosa sui quali sono state registrate, in fase di indagine, convergenze investigative che hanno quindi portato al coordinamento investigativo, sotto l’egida della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, tra le Procure della Repubblica di Reggio Calabria e Trento.

Le indagini patrimoniali dei finanzieri trentini confermano, ancora una volta, l’importanza dell’aggressione sistematica dei patrimoni illeciti della criminalità organizzata, fondamentale strumento di contrasto alle consorterie di tipo mafioso e riconosciuto baluardo della strategia diretta ad arginare le diverse forme della “criminalità da profitto”, che costituisce, oggi più che mai, un prioritario obiettivo dell’Autorità Giudiziaria e, in particolare, della Guardia di Finanza quale Corpo specializzato di polizia economico-finanziaria.

Spinelli: il tessuto economico del Trentino rimane sano

“Il Trentino è scosso dalle notizie riguardanti l’inchiesta ‘Perfido’, che ha messo un luce un lento, pluridecennale processo di infiltrazione della ‘Ndrangheta in alcuni settori della nostra economia e finanche delle istituzioni. Mi sembra doveroso in questa circostanza ribadire con forza una convinzione che so essere peraltro largamente condivisa: il tessuto economico del Trentino è sano e rispecchia la natura profonda della nostra terra, presa di mira, pare di capire, anche perché impreparato a confrontarsi con certi fenomeni di malavita organizzata. I miei incontri con le imprese e con le loro rappresentanze sono quasi quotidiani, e ne ho tratto la convinzione che gli operatori economici del Trentino, quasi sempre, non cercano ‘scorciatoie’ né si compromettono con chicchessia. A tutti loro va la nostra solidarietà e il nostro ringraziamento, specie in un momento così difficile per chi fa impresa e crea lavoro quale è quello attuale, a causa della pandemia di Coronavirus.

Per quanto riguarda il settore del porfido, che in questo momento è quello più chiamato in causa, è da tempo al centro dell’attenzione della Provincia autonoma. Nel 2017 è stata varata una nuova legge di settore, e stiamo lavorando per la diffusione di un marchio di qualità che di fatto sottopone anche tutti gli operatori a dei controlli che vanno, appunto, nella direzione della legalità e della trasparenza, oltre che della qualità. Il porfido ha portato benessere nelle nostre valli, da dove un tempo si emigrava, e ha fatto crescere la reputazione del Trentino nel mondo. E’ dunque un bene importante, a cui dobbiamo riservare una particolare attenzione. Rivolgo un ‘grazie’ alle forze dell’ordine e all’autorità inquirente per il prezioso lavoro, che ci aiuterà a fare la necessaria pulizia in una filiera che rimane strategica. Ma l’impegno dobbiamo sentirlo tutti, in primo luogo, assieme alla Provincia, le comunità interessate”. Così l’assessore provinciale allo sviluppo economico e lavoro Achille Spinelli a proposito dell’inchiesta che ha investito in questi giorni in particolare il settore del porfido trentino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136