Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Maltrattamenti ed estorsione verso il padre, 25enne arrestato dai carabinieri di Breno

lunedì, 31 agosto 2020

Breno – Maltrattamenti ed estorsione nei confronti del padre, arrestato 25enne. Protagonista della vicenda un pregiudicato di 25 anni, nei cui confronti nello scorso mese di maggio, era stato emesso un provvedimento cautelare di divieto di avvicinamento al padre 58enne, vittima di continui maltrattamenti in famiglia.

112 carabinieri largeL’uomo si era rivolto ai carabinieri della Stazione di Breno per chiedere aiuto, perché stanco del comportamento aggressivo del figlio, che non perdeva occasione per litigare ed aggredirlo. Le discussioni erano quasi sempre causate dalle continue richieste di denaro, necessarie ad acquistare sostanze stupefacenti.

I militari, raccolta la denuncia, avevano attivato immediatamente la procedura del “codice rosso” e il Tribunale di Brescia aveva disposto che il giovane non dovesse avvicinarsi alla casa dove per diversi anni aveva convissuto con il papà.

Nonostante la misura in atto, negli ultimi mesi il 25enne, con alle spalle vicende giudiziarie legate allo spaccio di droga, aveva deciso in modo autonomo e arbitrario di non rispettare il provvedimento del Giudice.

Le violazioni non erano però sfuggite ai Carabinieri che lo stavano monitorando e che soprattutto continuavano ad avere frequenti contatti con suo padre per accertarsi che non fosse vittima di atti ritorsivi.

Purtroppo il giovane, oltre a infrangere il divieto di avvicinamento, non perdeva occasione, nelle sue fugaci sortite in casa, per aggredire il padre, responsabile a suo dire di non riuscire a soddisfare le sue continue richieste di soldi. Ricostruito il quadro probatorio, i militari hanno richiesto un inasprimento della misura cautelare, anche perché le accuse nei confronti del 25enne si sono aggravate: non solo maltrattamenti in famiglia ma anche estorsione. Il Giudice ne ha disposto l’arresto e il trasferimento in carcere a Brescia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136