Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Malles, arrestato un austriaco con un chilo e mezzo di droga

lunedì, 6 luglio 2020

Malles - I militari della Stazione Carabinieri di Malles Venosta hanno arrestato un uomo per detenzione di droga dopo essere intervenuti nello stesso centro abitato per una lite fra vicini di casa. I due contendenti erano austriaci residenti a Malles. carabinieri largeNon è infrequente che la domenica sia il giorno dedicato alle liti in famiglia o con i vicini di casa. Essa è infatti il giorno in cui magari si taglia il prato o si fa un barbecue, magari si beve pure qualche bicchiere di troppo, e comunque si sta più in casa per riposarsi della settimana e se qualcuno – familiari o limitrofi – disturba il riposo, allora la situazione degenera.

I militari erano anche riusciti a calmare gli animi ma mentre erano sul posto si sono accorti che uno dei due litiganti in giardino aveva alcune piante di canapa indiana (cannabis indica), specie vegetale che produce il delta-9-tetraidrocannabinolo, sostanza drogante della marijuana e dell’hashish, e che è quindi di vietata coltivazione e detenzione, salvo autorizzazione. La coltivazione è dalla legge punita alla stregua dello spaccio.

I carabinieri hanno quindi chiesto l’aiuto delle autopattuglie di Sluderno e Resia e hanno perquisito l’abitazione dell’uomo. Subito, appena entrati in casa, hanno sentito il tipico forte, acre, odore della marijuana e infatti dalla ricerca sono venuti fuori ben un chilo e mezzo abbondante di droga.

L’uomo, un 38enne carinziano, è stato quindi accompagnato alla Compagnia Carabinieri di Silandro e sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici. Quindi è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e – informato il pubblico ministero – è stato associato al carcere di Bolzano. In questo caso è valso particolarmente l’antico detto “tra i due litiganti, il terzo gode”…



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136