Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Lutto a Breno e in tutta la Valle Camonica, morto Sandro Farisoglio

giovedì, 16 gennaio 2020

Breno – Lutto a Breno e in tutta la Valle Camonica: nella notte si è spento Sandro Farisoglio. Colpito da quasi due anni da una malattia, avrebbe compiuto 40 anni il prossimo giugno. Lascia la moglie Elena e la figlia Laura di pochi mesi, la madre Maria Emma, il padre Angelo e i fratelli Camillo, Laura, Marco e Selene. Era ricoverato all’ospedale di Esine, i funerali si terranno domani alle 15 in Duomo a Breno. La camera ardente è allestita presso la chiesa di Sant’Antonio a Breno nel pomeriggio fino alle 20 di stasera e domani mattina.

farisoglio

Laureato in Giurisprudenza, di professione di Consulente del Lavoro e iscritto all’Ordine dei Consulenti del lavoro di Brescia, Farisoglio, fin da giovane era impegnato in politica.

Molto conosciuto in tutta la Valle, nella sua attività politica ha guidato il Comune di Breno da sindaco dal 2009 al 2019, alle Regionali del 2018 raccolse 6.500 voti e attualmente stava ricoprendo le cariche di presidente della Comunità Montana di Vallecamonica e del Bim di Vallecamonica ed era uno dei giovani amministratori più apprezzati della Valle Camonica.

IL CORDOGLIO 

In tanti lo ricordano a Breno, in Valle Camonica, a Brescia e in Lombardia dove si era fatto apprezzare per il suo impegno sociale e politico. Era volontario dei vigili del fuoco ed ha ricoperto la carica di capo distaccamento a Breno. La comandante dei vigili del fuoco di Brescia, ingegner Natalia Restuccia, ha ricordato Sandro Farisoglio in una nota: “Alla famiglia giunga il personale abbraccio della scrivente e di tutto il comando dei vigili del fuoco di Brescia“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136