Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Laives: guida spericolata e in stato di ebbrezza, i carabinieri ritirano la patente a 31enne

venerdì, 7 febbraio 2020

Egna – Auto sorpassa ad alta velocità nelle gallerie a Laives (Bolzano), fermata poco dopo Salorno. Pakistano denunciato e patente ritirata per guida in stato di ebbrezza.

I FATTI
I carabinieri della Compagnia di Egna, sono intervenuti nel corso della serata di ieri, a seguito di una segnalazione pervenuta da un cittadino che indicava come un auto di colore nero stesse procedendo e superando a grandissima velocità altri veicoli, nel tratto stradale delle gallerie di Laives in direzione sud. La segnalazione indicava anche come l’incauto autista causasse grave rischio per gli altri utenti della strada.

La pattuglia del nucleo radiomobile dei Carabinieri di Egna si è messa immediatamente all’inseguimento del veicolo, avendo colore modello e numero di targa, sospettando che lo stesso fosse in fuga dopo aver commesso qualche delitto.

La centrale operativa di Egna ha nel frattempo allertato quella di Trento, che a sua volta ha inviato le proprie pattuglie per intercettare da sud il veicolo.

Effettivamente la manovra intercettiva, senza mettere a repentaglio altri automobilisti, si è concretizzata sulla statale 12 in località Cadino, appena all’interno del Comune di Mezzolombardo, dove i carabinieri hanno fermato il veicolo con a bordo lo spericolato conducente, uno straniero di origine pakistana, S.S., 31 anni, in compagnia di tre connazionali.

Sottoposto a test alcolimetrico il conducente è risultato positivo, nella doppia misurazione, che si è attestata oltre 1,40 g/l. Con tale valore è scattato immediato il ritiro della patente di guida, ma non il sequestro del veicolo in quanto non di proprietà del conducente.

Il 31enne ha dovuto quindi chiamare un altro conoscente per farsi riaccompagnare a casa con il veicolo, poiché anche gli altri tre passeggeri sono risultati momentaneamente non idonei psicofisicamente alla guida. Tutta la comitiva risulta risiedere in provincia di Trento, ma nel corso del pomeriggio si è recata a Bolzano per trovare un amico con il quale hanno però ecceduto nell’abuso di alcol, e nonostante ciò si sono posti alla guida non solo non in condizioni psico-fisiche ottimali, ma altresì conducendo il mezzo in modo irresponsabile con grave pericolo per la loro ed altrui vita.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136