Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Kit per falsificare esito controlli, denunciato dai carabinieri a Sondrio

sabato, 30 maggio 2020

Sondrio – Kit per falsificare esito controlli dei carabinieri, denunciato dai carabinieri a Sondrio. Nel corso di un normale controllo alla circolazione stradale, una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Sondrio sulla tangenziale del capoluogo ha fermato e controllato un’autovettura con a bordo un giovane sondriese 30enne con precedenti specifici in materia di stupefacenti.

carabinieri largeIl fermato è apparso da subito agitato; durante le fasi del controllo veniva trovato in possesso di una modica quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana (3 grammi). Accompagnato presso il Comando di largo Sertoli per approfondire il controllo, veniva sottoposto a perquisizione personale e veicolare che consentiva di trovare un curioso kit: un pene di gomma collegato ad una sacca trasparente con all’interno residui di liquido giallo ed un’ulteriore sacca piena sempre dello stesso liquido (verosimilmente urina).

Il ragazzo, vistosi scoperto, “confessava” che quel kit era stato da lui utilizzato durante le analisi delle urine a cui era costretto a sottoporsi al SERT di Sondrio. In particolare aveva utilizzato questo escamotage la settimana precedente e lo avrebbe riutilizzato il giorno seguente per far risultare “pulite” le analisi nonostante l’assunzione da parte sua di sostanze stupefacenti. Considerando che l’esame delle urine avviene alla presenza di personale del SERT proprio per evitare che gli esami vengano falsati, il ragazzo aveva adottato questo metodo che, almeno in un’occasione, aveva funzionato.

I controlli al SERT sono importanti per poter conseguire o mantenere il possesso della patente (come nel caso del denunciato) e/o per ottenere sconti di pena o condanne più lievi.

Il 30enne è stato denunciato per il reato di “falso ideologico in atto pubblico, mediante induzione in errore del pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio” e guida in stato di alterazione psicofisica; veniva inoltre segnalato alla Prefettura di Sondrio quale assuntore di sostanze stupefacenti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136