Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Inquinamento del torrente Uria di Villongo, Legambiente chiede di aumentare i controlli

giovedì, 11 giugno 2020

Villongo – Inquinamento del torrente Uria: Legambiente chiede di aumentare i controlli sul territorio. Nuovo sversamento di sostanze inquinante nel Torrente Uria a Villongo (Bergamo).

Ecco l’intervento del Circolo Legaambiente Sebino: “Ancora una volta in pieno distretto della gomma del Sebino compreso tra una decina di Comuni della Provincia di Bergamo e uno della provincia di Brescia che ne fanno il maggior produttore e fornitore nazionale ed europeo delle guarnizioni in gomma c’è da segnalare un nuovo spargimento di veleni. Una sostanza di colore verde intenso per due ore ha colorato il torrente che ha raggiunto il fiume Oglio. Neppure le approfondite e spettacolari indagini svolte dall’autorità giudiziaria dello scorso anno sono servite a mettere in riga e ad indurre comportamenti più rispettosi dell’ambiente alle aziende che operano nel territorio. Chiediamo alle autorità ambientali e giudiziarie come pure ai Comuni interessati di mettere in campo incisive iniziative di contrasto ai comportamenti illegali che sfregiano in continuazione il nostro territorio”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136