Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Inchiesta dei carabinieri, primo codice rosso a Primiero

mercoledì, 25 settembre 2019

Cavalese – Minacce e maltrattamenti di persone deboli, emesso il primo codice rosso nella zona di Primiero. Le persone deboli sono sempre più soggette a situazioni di disagio poiché particolarmente esposte per la loro posizione nella società, attraverso prepotenze, raggiri e prevaricazioni. In questo specifico contesto settoriale la Compagnia Carabinieri di Cavalese, supportata dagli specialisti del Comando Provinciale di Trento, sta ponendo la massima attenzione sul fenomeno al fine di tutelare queste categorie a rischio.

Cavalese 1In tal senso, sono diversi i casi sotto la lente d’ingrandimento della Compagnia Carabinieri di Cavalese che rientrano nella sfera prevista dal legislatore del “codice rosso” e richiedono pertanto l’immediata trattazione. Proprio in questo contesto si colloca una vicenda maturata in ambito famigliare che ha visto il pronto intervento dei Carabinieri di Primiero – San Martino di Castrozza, che si sono occupati di una particolare situazione a rischio, denunciata da una donna oggetto di vessazioni e minacce negli uffici del locale Comando Stazione. Gli immediati approfondimenti esperiti dai militari del Primiero su disposizione della Magistratura di Trento, hanno consentito all’autorità giudiziaria di emettere in stretta tempistica la misura cautelare del divieto di avvicinamento dell’indagato alla parte offesa, garantendo così un adeguato contorno di sicurezza in favore della donna.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136