Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


I carabinieri ritrovano la statuetta della Madonna di Fiè allo Sciliar, denunciato 66enne

lunedì, 22 giugno 2020

Fiè allo Sciliar - I militari della Compagnia di Ortisei, dopo una breve ma serrata attività di indagine, hanno denunciato a piede libero un cittadino di 66 anni che pochi giorni fa si era impossessato di una statuetta raffigurante la Madonna, posta all’interno di una piccola nicchia lungo la strada provinciale 24, nel comune di Fiè allo Sciliar. Allestito da un cittadino del posto, uscito miracolosamente indenne da un gravissimo incidente stradale, la statuetta fungeva, ormai da molti anni, da protezione per tutti gli automobilisti che percorrevano quel delicato tratto di strada fra due gallerie.

statProprio per il forte valore simbolico ed attaccamento a quella piccola immagine sacra, sono stati diversi i cittadini che ne hanno immediatamente segnalato il furto unitamente al parroco di Fiè allo Sciliar che ha formalizzato la denuncia. Grazie alla pronta collaborazione dei cittadini, le indagini condotte dai militari dell’Arma hanno consentito di recuperare la statuetta, ritrovata nell’abitazione di un 66enne del posto. Pur non essendo ancora del tutto chiaro il motivo del gesto, il fatto che lo stesso avesse attentamente posizionato l’immagine sacra sopra la testiera del proprio letto fa pensare che lo stesso volesse captare la benevolenza della statua tutta per se. Restituirla al parroco, la statuetta oggi è tornata al suo posto, lungo la strada provinciale 24, a protezione di tutti i cittadini.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136