Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Doppio intervento ad Aprica, recuperati due escursionisti

venerdì, 18 settembre 2020

Aprica -  Due ricerche di persone disperse, una dopo l’altra, entrambe a lieto fine. I tecnici della Stazione di Aprica del Soccorso alpino sono stati allertati per il mancato rientro di un uomo di 77 anni.

soccorso alpinoIn seguito alla richiesta di soccorso a parte dei familiari, la centrale ha allertato i tecnici della VII Delegazione Valtellina Valchiavenna, con il Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza, i Carabinieri e i Vigili del fuoco, che hanno cominciato le ricerche. Dopo un paio d’ore lo hanno ritrovato, illeso, in località Paierone, tra la Val Malgina e la Val Carona, in comune di Teglio.

L’intervento si stava concludendo quando è arrivata un’altra segnalazione per un uomo di Milano, del 1953, uscito in cerca di funghi in Val Belviso ma non rientrato. Aveva lasciato l’auto nei pressi della diga di Frera. Non era rintracciabile con il telefonino perché in quella zona le comunicazioni sono spesso difficili. I soccorritori lo hanno cercato durante la notte. Mentre si stavano organizzando le operazioni per la giornata di oggi, l’uomo è riuscito a mettersi in contatto con i familiari e ad avvisare che stava rientrando.

RICERCHE IN VALGEROLA

Intervento oggi per un cercatore di funghi, un uomo di Milano del 1966. Era partito da Pescegallo. Si è ritrovato in difficoltà su un salto di roccia, a una quota di circa 1500 metri, e non riusciva più a proseguire. Con il telefono ha chiesto aiuto. Sul posto la Stazione di Morbegno del Soccorso alpino, il Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza e i Vigili del fuoco. Una volta raggiunto, è stato accompagnato a valle, illeso.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136