Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Da false segnalazioni dei cittadini ad assembramenti più “veritieri”, interventi dei carabinieri di Bolzano

mercoledì, 20 maggio 2020

Bolzano - I militari dei reparti carabinieri di tutta la provincia di Bolzano sono ancora molto impegnati a far rispettare le prescrizioni provinciali e statali per il contenimento della COVID-19. Anzi, i controlli ora sono più difficili di prima. Quando infatti il “lockdown” era totale, era più facile controllare le persone per la strada, specialmente la domenica e i festivi quando a lavorare erano in pochi e i supermercati chiusi. Ora si verifica l’opposto, da quando è possibile svolgere attività all’aria aperta per le strade c’è un brulichio di persone e non è facile controllare in maniera mirata chi non rispetta le regole.

Quelli che non rispettano le norme “anti-COVID” sono una piccolissima parte dei cittadini, ma danno nell’occhio, specie nell’era digitale degli smartphone con cinque fotocamere da 108 megapixel… E così fioccano tam-tam video-fotografici su app di messaggistica, post sui social e – quando va bene – chiamate al 112.

carabinieri largeChiamate che però, va detto, non sempre sono corrette e non sempre sono veritiere, con forse in qualche caso anche un pizzico di dolo. Come quel Torquemada che ha denunciato un assembramento intorno al barbecue del vicino di casa costringendo i carabinieri ad andare a verificare (perché i carabinieri e le altre forze dell’ordine verificano sempre) salvo poi scoprire che erano tutti famigliari.

Diverso è quando non solo si viola la norma ma si usa anche arroganza e maleducazione verso altre persone. Lo sa bene un giovane poco educato con naso e bocca scoperti che (domenica) ha ricoperto d’insulti un uomo che glielo aveva fatto notare. L’uomo non ci è stato e ha chiamato i carabinieri. Per il ventenne sgarbato sanzione doppia dato che era recidivo.

Ma la mala educazione e la riottosità di certe persone è ormai diffusa. Una guardia giurata ha chiamato (domenica) i carabinieri perché presso un ospedale dei parenti si accalcavano in sala d’attesa pur essendo un paio di mesi abbondanti che viene detto in tutte le lingue che non ci si deve assembrare nelle sale d’attesa dei pronto soccorso. Per fortuna (loro) all’arrivo dei militari si è scoperto che gli assembrati erano tutti conviventi e comunque si sono allontanati.

Se gli sport di squadra sono vietati significa che palle e palloni dovrebbero rimanere a casa. Tra domenica e lunedì sono stati sanzionati ben 29 tra calciatori e pallavolisti. I carabinieri, su segnalazione in un caso degli abitanti del luogo e nell’altro di un passante, sono infatti intervenuti per interrompere due partite tra amici, in un caso con tanto di maglie di colori diversi per le due squadre… Inevitabili le sanzioni, date con dispiacere, specialmente ai giocatori minorenni, perché è anche comprensibile che i giovani vogliano sgranchirsi le gambe dopo due mesi “al palo” o “ai domiciliari” e perché poi ai minori le sanzioni le pagano i genitori, magari già afflitti da attività lavorativa chiusa o ridotta.

Ultimi, in ordine cronologico, stanotte, su segnalazione di alcuni cittadini che sentivano musica e schiamazzi, alcune pattuglie hanno interrotto due assembramenti di giovani, peraltro nemmeno molto distanti tra loro. Nel primo caso una festa da ballo in piena regola con musica e bevande. Nel secondo, ormai in piena notte, urla, risate e chiacchiere nel cortile di una scuola (peraltro rimane da capire se fossero autorizzati o meno). In entrambi i casi alcuni furbetti sono riusciti ad allontanarsi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. In totale sono stati sanzionati nove ragazzi, di cui alcuni anche minorenni, tra le 00.40 e le 03.30.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136